Home FOCUS Indagato un italiano per la morte a Londra del giovane toscano Erik...

Indagato un italiano per la morte a Londra del giovane toscano Erik Sanfilippo

188
0

E’ italiano il 52enne indagato dalla polizia britannica per il caso, ancora coperto da un velo di incertezza, della morte di Erik Sanfilippo, il 23enne toscano trovato senza vita l’11 maggio scorso a Londra in un’area semi abbandonata del quartiere di Islington, a nord della città, non lontano dall’Emirates Stadium dell’Arsenal. Lo riferisce Scotland Yard precisando che l’uomo si chiama Gerardo Rossi: è sospettato di occultamento di cadavere, ma non di omicidio.
Rossi era stato inizialmente arrestato sulla base di un sospetto di omicidio. Ma poi la pista di una morte violenta non ha trovato conferma e l’uomo è stato scarcerato su cauzione: salvo essere riarrestato oggi e condotto di fronte a un giudice per la convalida del fermo e la contestazione del reato di occultamento di cadavere. Al momento la polizia mantiene il riserbo sulle possibili cause del decesso di Erik.

GIALLO,PER IL CADAVERE DI UN GIOVANE TOSCANO A LONDRA NEL QARTIERE DI ISLINGTON

La polizia britannica considera al momento “aperto” il giallo sulla morte di un giovane della provincia di Pisa, trovato senza vita a Londra, nel quartiere di Islington, la sera dell’11 maggio scorso. Lo riporta una nota di Scotland Yard diffusa via Twitter che conferma l’identificazione della vittima come Erik Sanfilippo, 23 anni, precisando che gli accertamenti finora non hanno dato “risultati conclusivi”: né nel senso di un omicidio o di una morte violenta, né in quello di un fatto accidentale. Gli investigatori annunciano ulteriori test e indicano un numero di telefono da chiamare invitando chi abbia informazioni utili a farsi avanti. Al momento il caso viene trattato come “un decesso non spiegato”. Tuttavia, un 52enne è stato arrestato per sospetto omicidio il 12 maggio salvo essere poi rilasciato su cauzione ma non ancora scagionato. Il Consolato d’Italia a Londra fa sapere di star seguendo la vicenda: è “in costante contatto con le autorità britanniche e con la famiglia, per ogni eventuale sviluppo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here