Home FOCUS Renzi lascia il Pd con trenta parlamentari. Lotti, Marcucci ma soprattutto Nardella...

Renzi lascia il Pd con trenta parlamentari. Lotti, Marcucci ma soprattutto Nardella restano nel partito

248
0

L’ex segretario ha rotto gli indugi. “Quello che mi spinge a lasciare è la mancanza di una visione sul futuro”. L’ex premier rivendica il suo operato degli ultimi anni. E annuncia: “I parlamentari che mi seguiranno saranno una trentina, più o meno. Non dico che c’è un numero chiuso, ma quasi”. E la prossima Leopolda sarà un’esplosione di proposte”.

L’appuntamento della Leopolda, dal 18 al 20 ottobre, ne sarà il battesimo mediatico, e lì ne verrà tracciata la rotta. L’ufficialità arriverà tra oggi – con l’intervista di Renzi a Repubblica e, in serata, ospite a Porta a Porta, dove dirà che “sì, me ne vado dal Pd” – e i prossimi giorni, quando si formeranno i nuovi gruppi parlamentari. In più, c’è la delegazione al governo, non piccola: due ministri, Bellanova, che farà da capodelegazione, e Bonetti, più un viceministro, Ascani, e un sottosegretario, Scalfarotto. Infine, presto, arriverà anche la proiezione europea: un solo eurodeputato, per ora (Danti), ma agganci solidi con Renew Europe, il gruppo costituito da En Marche di Macron e dall’Alde, cui lavora l’ex sottosegretario Gozi.

Che Marcucci stesse abbandonando Renzi si era già capito dalle dichiarazione cone capogruppo del Senato tutte pro Zingaretti, che Lotti fosse sulla graticola si vedeva dal fatto che non era più presente, che Nardella fosse estremamente nervoso dipendeva dal fatto che Lui come ex fedelissimo sarebbe stato costretto a prendere una decisione che mette in difficoltà la stessa giunta fiorentina.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here