Home FOCUS Firenze: apre la 31° Biennale Internazionale dell’Antiquariato che festeggia 60 anni di...

Firenze: apre la 31° Biennale Internazionale dell’Antiquariato che festeggia 60 anni di attività

328
0
di Elisabetta Failla

Una veduta del Redentor di Venezia, olio su tela del Canaletto (1697 – 1768), l’olio su tela del 1716-18 Siface davanti a Scipione l’Africano di Giambattista Tiepolo. un Busto in bronzo di Urbano VIII Barberini del 1658 di Gian Lorenzo Bernini, tondo marmoreo di 105 cm di diametro raffigurante la Madonna col Bambino e San Giovannino di Benedetto da Maiano, un Autoritratto delle nuvole di Giorgio De Chirico del 1948 e Concetto spaziale del 1964-65 di Lucio Fontana. Queste sono alcune delle opere in mostra alla la31ma Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze, che celebrerà i 60 anni di attività (1959-2019) promuovendo la prima “Florence Art Week.

Dario Nardella e Fabrizio Moretti davanti a un’opera di Benedetto da Maiano – foto Gianluca Moggi/New Press Photo

Dal 21 al 29 settembre Firenze accoglie infatti le eccellenze d’arte e dell’antiquariato riunite a Palazzo Corsini sul Lungarno. “Un museo in vendita”, lo definisce Fabrizio Moretti, Segretario Generale della Biennale Internazionale dell’Antiquariato alla sua terza direzione.

“60 anni è un traguardo importante per una mostra, che oggi, alla XXXI edizione, è la più importante esposizione al mondo dedicata all’arte italiana – ha spiegato Fabrizio Moretti oggi durante la conferenza stampa di presentazione alla quale ha partecipato anche il critico Vittorio Sgarbi –  Ringrazio i fratelli Bellini che nel 1959 hanno avuto l’idea straordinaria di riunire a Palazzo Strozzi un centinaio di antiquari, inventando un modo nuovo di fare mercato, che permette di incontrare in poche ore i più grandi mercanti d’arte di tutto il mondo. Quest’anno a Palazzo Corsini in mostra migliaia capolavori dell’arte italiana che sono certo potranno interessare collezionisti e direttori di musei internazionali, con prezzi che oscillano tra i 20/30mila euro ad alcuni milioni di euro”.

 Alla presentazione ha partecipato anche l Sindaco di Firenze Daria Nardella che ha definito la BIAF come “una grande festa dell’arte, che testimonia il grande lavoro di ricerca e conservazione delle opere da parte dei mercanti, che propongono ad ogni edizione capolavori straordinari, punte di diamante del collezionismo internazionale”.
Alla più importante mostra mercato dell’arte italiana la mondo partecipano 77 gallerie internazionali che propongono non meno di 4.500 opere di varia tipologia, tutte accuratamente vagliate dall’autorevole Vetting, la commissione scientifica che conta esperti di ogni settore artistico e consente al compratore di acquistare in sicurezza.

L’inaugurazione ufficiale si terrà il sabato 21 settembre alle ore 10.30 nel Salone dei Cinquecento alla presenza del Sindaco Dario Nardella e delle autorità cittadine e sarà preceduta da due giorni di preview dedicate ai collezionisti e ai direttori dei musei e alla stampa e da una attesissima cena di gala “black tie”. I fuochi d’artificio illumineranno l’Arno e Palazzo Corsini il 19 settembre dalle ore 22.45 a ritmo di musica.

In questa 31ma edizione si festeggiano appunto i 60 anni di attività della Biennale che gli organizzatori hanno voluto festeggiare dando vita alla Florence Art Week, un ricco programma di eventi (inaugurazione il 21 settembre) tutti a portata di una passeggiata nel cuore di Firenze. Coinvolte 36 gallerie della città che propongono mostre aperte anche la sera, Musei pubblici e collezioni private, 30 boutique del centro storico che accoglieranno i clienti in modo speciale. Strada chiusa in Via Maggio dal pomeriggio per l’evento “Bellissima” per BIAF, mostre ed eventi a cura dell’Associazione Via Maggio.

La lunga storia della BIAF sono ricordati nella mostra fotografica BIENNALE IN BIANCO E NERO 1959-1983 allestita nel foyer del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (21-29 settembre), importante partner di questa edizione della Biennale. Gli scatti, per lo più inediti, escono solo ora dagli archivi della Biennale, grazie all’attenta ricerca e selezione dell’antiquario Bruno Botticelli, e ritraggono visitatori illustri e gli antiquari insieme ai loro capolavori.

La BIAF è parte integrante della storia del collezionismo in Italia nel secondo dopo guerra (1959). Moltissimi sono gli antiquari che hanno legato la loro storia professionale alla Biennale e altrettante sono le collezioni che si sono formate a seguito di acquisti avvenuti tra gli stand della fiera.

Alla figura di un principe degli antiquari rende omaggio la mostra “Universo Bardini”, curata da David Lucidi nell’alcova di Palazzo Corsini e resa possibile grazie alla Fondazione CR Firenze partner di BIAF da diversi anni. Bardini (1836-1922) fu protagonista delle vicende del collezionismo d’arte tra Otto e Novecento, attento collezionista anche di tipologie artistiche ‘secondarie’, come maioliche, bronzetti e armi.

Il programma culturale della BIAF, dal 23 al 28 settembre, accoglierà nel Salone del Trono, numerose presentazioni di libri e conferenze legate alla storia e al mercato dell’arte. In anteprima saranno presentati i dati di una ricerca sulle “Le corporate collections in Italia” curata dalla Professoressa Chiara Paolino per l’Università Cattolica di Milano e sostenuta da AXA XL Art& Lifestyle e da Intesa Sanpaolo. Mentre all’“ACQUISTO (IN)CONSAPEVOLE DI OPERE D’ARTE” sarà dedicata la conferenza di Sabato 28 alle 16,00 promossa da Negri-Clementi Studio Legale. Il programma completo è consultabile al sito: www.biaf.it

Agli storici premi per la pittura e la scultura più belli esposti in Mostra, si aggiunge quest’anno un nuovo riconoscimento: il “Premio per le arti decorative o di design” grazie alla sponsorizzazione di Ronald S. Lauder, che lo assegnerà nel corso della Biennale, su una terna di opere segnalate da un’apposita giuria. L’importo di Euro 25.000 consentirà il restauro di alcune opere d’arte decorativa appartenenti al patrimonio culturale pubblico. E’ esplicito desiderio della Biennale – ha sottolineato  Fabrizio Moretti – promuovere e sostenere il restauro di quelle opere che difficilmente troverebbero una sponsorizzazione perché meno famose. Quest’anno per la pittura, ad esempio, abbiamo scelto di restaurare un’opera di Carlo Ceccarelli, una deliziosa Madonna del Museo Horne, uno dei più bei musei di Firenze ma meno conosciuto” – conclude Moretti.

Inoltre mercoledì 25 settembre alle ore 16.00 nel Salone del Trono di Palazzo Corsini verrà consegnato il “Lorenzo d’oro”, realizzato dal Maestro Marcello Guasti (Firenze 1924 – Bagno a Ripoli 2019), ad Antonio Paolucci per il suo impegno nella divulgazione e promozione dell’arte italiana nel mondo, a cui farà seguito un concerto a cura del Maggio Musicale Fiorentino.

Uno dei lampadari dell’ex Teatro Comunale di Firenze

Gli allestimenti di Palazzo Corsini sono curati per la leconda volta dal designer Matteo Corvino. La novità di questa edizione riguarda in particolar modo gli ingressi del Palazzo, dove sono collocati degli spettacolari, grandiosi lampadari disegnati da Carlo Scarpa e realizzati da Venini, della circonferenza di un metro e altri tre metri mezzo, provenienti dall’ex Teatro Comunale di Firenze.

La mostra è posta sotto il Patrocinio di MIBAC, Ministero dei Beni Culturali, Regione Toscana, Comune di Firenze, Città Metropolitana, Camera di Commercio, Realizzata con il contributo di Fondazione CR Firenze. Villa Bardini. Main sponsor AXA XL Art& Lifestyle e Toscana Aeroporti.

Programma completo della BIAF, della FLORENCE ART WEEK ed elenco di tutti gli espositori sono on line al sito: www.biaf.it

Foto in alto: Dario Nardella, Vittorio Sgarbi, Fabrizio Moretti,Italo Carli e Matteo Corvino (PRESSPHOTO Firenze foto Gianluca Moggi/New Press Photo)

Informazioni utili

19 Settembre 2019
Ore 19,00 – Palazzo Corsini – Anteprima della Mostra ad inviti
Ore 21,00 – Palazzo Corsini – gala dinner. A seguire spettacolo pirotecnico

20 Settembre 2019
Dalle ore 10,30 accesso riservato ai possessori della VIP card e giornalisti accreditati
Dalle ore 12,00 alle 20,00 – Preview ad inviti riservata a Soprintendenti, Direttori di Musei internazionali e collezionisti

21 Settembre 2019
Ore 10,30 Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento – cerimonia inaugurale.

Dal 21 al 29 settembre 2019 – Apertura al pubblico
Sabato 21 settembre orario continuato dalle 10,30 alle 21,00
Da domenica 22 settembre a domenica 29 settembre orario continuato dalle 10,30 alle 20,00
Giovedì 26 settembre orario continuato dalle ore 10,30 alle 19,00

Biglietti:
Intero: 15,00 € incluso il catalogo ufficiale della Mostra
Gruppi organizzati (minimo 12 persone): 10 € con prenotazione obbligatoria
Categorie convenzionate (MCL, ARCI, TCI, FAI): 10 €
Gratuito: bambini di età inferiore ai 6 anni, visitatori con disabilità e accompagnatori, soci Associazione Antiquari d’Italia, possessori VIP card Biennale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here