Home FIORENTINA Fiorentina: con l’Atalanta sfuma la vittoria all’ultimo tuffo

Fiorentina: con l’Atalanta sfuma la vittoria all’ultimo tuffo

109
0

di Tommaso Giacomelli

Al Tardini di Parma è andata in scena una partita non per cuori fragili. Tra Atalanta e Fiorentina finisce 2 a 2, per larghi tratti della sfida gli uomini di Montella danno una lezione di calcio ai nerazzurri, ma nel finale rocambolesco crolla la concentrazione e si fanno rimontare. Peccato perché i gigliati meritavano qualcosa in più, oggi si è visto in campo una squadra bella, compatta, con un ottimo fraseggio e una grande intesa tra Chiesa e Ribery. Proprio l’italiano ha sbloccato il match al 25′ del primo tempo con un tiro deviato da Djimsiti, poi nella ripresa ci ha pensato il francese a raddoppiare con un sinistro al volo su cross di Chiesa. Nel finale convulso, Ilicic accorcia le distanze al minuto 84, poi Castagne trova il pareggio con un tiro da fuori al 95′. Poco prima, gol annullato all’Atalanta per mani di De Roon. Ancora una volta i tre punti sfuggono alla squadra di Montella, come se questo sortilegio fosse davvero reale.

PAGELLE ATALANTA – FIORENTINA

Dragowski 5.5: praticamente inoperoso per tutta la gara, sul finale si fa ammonire per perdita di tempo e nell’occasione del secondo gol non è completamente esente da responsabilità.

Milenkovic 6.5: fa una grande partita, contenendo bene le avanzate degli avversari e riuscendo spesso a spingersi in avanti. Non concentrato sul finale, come il resto del reparto.

Pezzella 6.5: la partita del capitano sarebbe stata eccellente, giocando contro un cliente difficile come Zapata, che è stato annientato dall’argentino. Sul finale però non regge bene gli urti dell’Atalanta.

Caceres 6: buona prima parte di gara, cala sul finale dove sarebbe servita di più la sua esperienza.

Lirola 6: buone sgroppate sulla fascia destra con delle incursioni molto efficaci, specialmente nel primo tempo. Impreciso però al momento dell’assistenza agli avanti viola.

Pulgar 6: meno efficace di Badelj in fase di costruzione, si vede più spesso nell’inserimento negli spazi.

Badelj 6.5: grandi geometrie, verticalizzazioni e qualche palla persa di troppo. Regge per gran parte del tempo il centrocampo sulle sue spalle.

Castrovilli 6.5: il giovane italiano non è più una sorpresa e anche nella trasferta contro l’Atalanta mette in campo qualità, visione di gioco e dribbling.

Dalbert 5.5: Ottima la sua fase offensiva, una spina nel fianco per i difensori dell’Atalanta, ma ha sulla coscienza il gol di Ilicic che riapre la partita. (Dal 87′ Venuti SV).

Ribery 7: partita sontuosa per il francese, lampi di classe assoluta e un gol da maestro. Intesa con Chiesa che migliora a vista d’occhio. (Dal 68′ Boateng 6: tiene palla in avanti, usa bene il fisico).

Chiesa 7: finché resta in campo la Fiorentina è padrona del gioco. Suo il gol che apre le danze e determinante il suo impatto per la seconda rete dei gigliati con la palla recuperata a Palomino e con il successivo assist al bacio per Ribery. (Dal 77′ Vlahovic: SV).

All. Montella 6.5: il tecnico viola ripropone il 3-5-2 visto con la Juventus, che dà i suoi frutti. Per larghi tratti della partita, la Fiorentina ha la meglio dell’Atalanta grazie alla qualità del gioco, ai tocchi di prima e al fraseggio sempre propositivo. L’amnesia del finale è inspiegabile, i cambi nonostante tutto sembravano la scelta giusta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here