Home MAGAZINE Ruben Spezzati vince la sesta edizione de La Fabbrica della Comicità.com...

Ruben Spezzati vince la sesta edizione de La Fabbrica della Comicità.com comici o Miseria

177
0

Ḕ il bresciano Ruben Spezzati il vincitore della finale della sesta edizione de La Fabbrica della Comicità.Com Comici o Miseria che si è svolta ieri sera al Teatro Le Laudi di Firenze. La fase conclusiva del concorso nazionale di cabaret, organizzato dalla SPManagement ACS Arte Cultura Spettacolo e inserito quest’anno nel programma dell’Estate Fiorentina, si è svolta all’insegna delle risate ma anche delle mozioni.

Otto i finalisti provenienti dalle due semifinali: Ruben Spezzati di Brescia, Alessandro Cannalire di Milano, Mauro Busti di Perugia, Donato Bini di Cannara (Perugia), Ilaria Berti di Trieste, Christina Pecora la comica americana proveniente dalla California, Giovanni Greco di Potenza e Nico Pelosini di Rosignano Solvey (Livorno). A loro si è aggiunta anche Gabriella Canale di Ostuni (Brindisi), ammessa in finale per insindacabile giudizio dell’organizzatori.

Le loro esibizioni sono state giudicate sia dalla giuria tecnica composta da opinion leader, giornalisti e personaggi dello spettacolo sia dalla giuria del pubblico composto da coloro che hanno partecipato durante le due semifinali all’iniziativa Fabbricati un Selfie e che sono risultati i protagonisti dei selfie più spiritosi e divertenti.

Oltre al vincitore Ruben Spezzati, secondo è arrivato Giovanni Greco di Potenza, in arte Giovix, terzo invece Donato Bini di Cannara (Perugia) che si è aggiudicato alche il Premio Smile.

Il Premio della Giuria del Pubblico è andato a Mauro Busti di Perugia mentre Alessandro Cannalire di Milano ha vinto il Premio Radio765.

Per i migliori questa finale rappresenta anche un trampolino di lancio per la loro carriera nel mondo dello spettacolo e la possibilità di partecipare ai casting dei più importanti talent televisivi com’è accaduto ad altri concorrenti delle precedenti edizioni.

Nicola Pazzi con Nonna Giovanna

Durante la serata conclusiva è stato consegnato il premio al vincitore del contest web Mappeddavvero che, sul sito dell’organizzazione, ha rimesso in gioco attraverso una votazione del popolo del web gli eliminati. Quest’anno, con circa 20.000 visualizzazioni da giugno a fine agosto il vincitore è stato Nicola Pazzi di Pisa che sul palcoscenico del Teatro Le Laudi ha atto impazzire tutti con le sue gag insieme alla sua fantastica Nonna Giovanna, vera rivelazione della finale.

Bravissimi anche i tre conduttori della finale, una delle novità di questa edizione. Stefano Baragli, presentatore storico de La Fabbrica della Comicità,com Comici o Miseria, e Angela Label, presentatrice programma televisivo Ma che bontà su Teleregione, giornalista e autrice, e Piero Torricelli, autore, attore, regista hanno presentato la serata con professionalità e tanta allegria.

L’esibizione di Brando Delaiti

Ma la serata ha regalato al pubblico tante emozioni quando sul palco è salito Brando Delaiti, un bravissimo musicista di 14 anni, un vero talento del mondo musicale. Brando ha quattordici anni ed è un ragazzo autistico ma, nonostante la sua disabilità, studia il sassofono contralto, la chitarra classica, moderna e jazz e il pianoforte jazz e moderno. Ha partecipato a numerosi concorsi e rassegne ricevendo premi e menzioni. La sua esibizione con il sassofono contralto ha emozionato tutti ricevendo applausi calorosissimi. Alla fine dell’esibizione la vice presidente del Consiglio Comunale di Firenze, Maria Federica Giuliani, lo ha premiato con il Premio Giovani Talenti 2019, altra novità di questa edizione, con il quale gli organizzatori vogliono premiare da ora in poi un giovane talento del mondo dello spettacolo, che si è distinto per le proprie capacità in espressioni artistiche in settori specifici quali musica, teatro, ballo.

Regina Schrecker, Premio Città di Firenze

Infine sono stati consegnati i due premi storici della manifestazione. Alla stilista Regina Schrecker è stato consegnato il Premio Città di Firenze con il quale gli organizzatori vogliono  un personaggio del mondo dello spettacolo, arte e cultura, che si è distinto per le proprie capacità professionali, e cittadini che, nell’ambito del sociale, si sono distinti per il bene comune della città di Firenze. Stilista di fama internazionale Regina Schrecker è da sempre attenta alle tematiche sociali.  Nel 1984 h collaborato con il Prof. Veronesi alla trasmissione televisiva “Una rosa per la vita”, a “Serata d’onore” per l’Unicef diventandone testimonial, ha collaborato con le sue collezioni a calendari per l’ATT , DEDRA che raccoglie fondi per una malattia geneticamente rara, l’epidermolosi bollosa, chiamata anche “sindrome dei bambini farfalla”, al Dragon Boat Festival, manifestazione ideata dall’IBCPC (International Breast Cancer Paddler’s Commission), che coinvolge squadre di donne, ma anche uomini, operati di tumore al seno e che si dedicano a questa disciplina come attività riabilitativa post-operatoria, organizzato e promosso dall’Associazione Firenze in Rosa Onlus.

Renato Raimo, Premio Arte, Cultura e Spettacolo

All’attore, regista e autore Renato Raimo è andato il Premio Arte, Cultura e Spettacolo che, fin dal primo anno della manifestazione, premia  ad un personaggio del mondo dello spettacolo, arte e cultura, che si è distinto per le proprie capacità professionali, per il bene comune del mondo dello spettacolo nelle forme artistiche e culturali e sociali. Renato Raimo ha ricevuto numerosi riconoscimenti artistici, tra cui il Premio Vigata con la giuria presieduta da Andrea Camilleri, il Premio Massimo Troisi, è definito un attore e regista versatile nei ruoli tra cinema, teatro e televisione. Sempre attento alle tematiche sociali, ha ricevuto nel 2018 la Menzione d’Onore alla 69° edizione del Montecatini International Short Film Festival come miglior attore nel Film “Cerco le Parole”. Ambasciatore per il Fai Fondo Ambiente Italiano, viene chiamato come tutor nel 2019 su Rai 2 nella trasmissione Detto Fatto.

Crediti fotografici: Alissa Zavanella per rossorubino.tv

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here