Home MAGAZINE Infermieri e “pazienti fragili”: la riflessione di Opi Firenze Pistoia

Infermieri e “pazienti fragili”: la riflessione di Opi Firenze Pistoia

Avatar
628
0

Chi è il “paziente fragile” e qual è, e sarà, il ruolo degli infermieri nella sua presa in carico. L’Ordine delle Professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia, ha voluto aprire una riflessione sul “paziente fragile”, una definizione sempre più al centro degli studi della comunità scientifica ma che non ha ancora trovato una definizione univoca.

È associata fortemente alla persona anziana perché spesso ne condivide i tratti: ridotta resistenza agli stress provocata dal declino di più sistemi con conseguente instabilità clinica e tendenza a manifestazioni peggiorative di salute. Fragile, in generale, è un paziente “vulnerabile”, con ridotta autosufficienza, spesso affetto da malattie croniche e da più patologie contemporaneamente, trattate con diverse terapie.

In alcuni casi, alla fragilità biologica si aggiunge quella sociale: povertà con conseguente ridotta possibilità di accesso alle cure, isolamento sociale, disagio abitativo. Un quadro che rende ancor più difficile la gestione. Dare una definizione di “paziente fragile” è dunque il primo passo per creare i migliori percorsi di presa in carico.

«In futuro il sistema dovrà sempre più farsi carico di pazienti anziani e fragili, una fascia di popolazione che è destinata a crescere – commentano da Opi Firenze Pistoia -. Il nostro compito, come per tutti i professionisti sanitari, è quello di arrivare preparati là dove ci sarà sempre più bisogno di noi».

L’infermiere è una figura cruciale nel miglioramento e mantenimento della qualità di vita della persona fragile. «Un percorso che passa attraverso una presa in carico globale che tenga cura anche del contesto sociale in cui la persona vive e assicurandosi il mantenimento della continuità assistenziale – proseguono da da Opi Firenze Pistoia. Le nostre competenze dovranno evolversi di pari passo all’interno di un sistema sanitario, e sociale, capace di dare risposta alle necessità di queste persone, alle loro esigenze di cura in un contesto sociale sempre più complesso».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui