Home TOP NEWS ITALPRESS LE TANGENTI SI “SMATERIALIZZANO”. MENO CONTANTI, PIÙ POSTI DI LAVORO

LE TANGENTI SI “SMATERIALIZZANO”. MENO CONTANTI, PIÙ POSTI DI LAVORO

admin
357
0

ROMA (ITALPRESS) – La “smaterializzazione” della tangente. E’ il nuovo fenomeno emerso dal rapporto Anac “La corruzione in Italia (2016-2019)”, presentato dal presidente Raffaele Cantone.
“C’è una sempre minor ricorrenza della contropartita economica – sottolinea l’Autorità Anticorruzione -. Il denaro continua a rappresentare il principale strumento dell’accordo illecito, tanto da ricorrere nel 48% delle vicende esaminate, sovente per importi esigui (2.000-3.000 euro ma in alcuni casi anche 50-100 euro appena) e talvolta quale percentuale fissa sul valore degli appalti. A fronte di questa ‘ritirata’ del contante, stante anche la difficoltà di occultamento delle somme illecitamente percepite, si manifestano nuove e più pragmatiche forme di corruzione. In particolare, il posto di lavoro si configura come la nuova frontiera del pactum sceleris: soprattutto al Sud l’assunzione di coniugi, congiunti o soggetti comunque legati al corrotto (non di rado da ragioni clientelari) è stata riscontrata nel 13% dei casi”.
“A seguire, a testimonianza del sopravvento di più sofisticate modalità criminali, si colloca l’assegnazione di prestazioni
professionali (11%), specialmente sotto forma di consulenze, spesso conferite a persone o realtà giuridiche riconducibili al corrotto o in ogni caso compiacenti”, prosegue l’Anac.
(ITALPRESS).