Home Starbene / Gusto Emergenza Venezia, gli chef toscani si mobilitano: baccalà mantecato “solidale” nei ristoranti

Emergenza Venezia, gli chef toscani si mobilitano: baccalà mantecato “solidale” nei ristoranti

245
0

di Elisabetta Failla

Ḕ iniziato tutto qualche giorno fa attraverso i social. Una sorta di “chiamata alla armi” per gli chef toscani che stanno aderendo all’iniziativa dedicata a Venezia che in questi giorni sta vivendo giorni drammatici che l’ha messa in ginocchio. Gli chef di Firenze e della Toscana, che in queste ore vede i fiumi ingrossarsi e in diversi unti esondare, sta rispondendo all’appello. E non solo, perché sembra che anche i pizzaioli vogliano in qualche modo aiutare una delle città più belle e fragili del mondo.

Al grido di “rialziamo Venezia”, a lanciare l’iniziativa è stato Paolo Gori, chef di Da Burde e già tra i più attivi nel dare vita all’Amatriciana Day quattro anni fa (poi evoluta nella Italian Chef Charity Night annuale, che anche stavolta coordinerà gli aiuti).

In particolare, da giovedì scorso Paolo Gori ha messo in menu un piatto di baccalà mantecato al prezzo di 5 euro, e tutto il ricavato verrà destinato alla ricostruzione post-allagamento. Nel giro di poche ore, il suo gesto ha dato il via a una mobilitazione più ampia che sta coinvolgendo chef e ristoranti da tutta la Toscana.

Il coinvolgimento degli chef è stato affidati al passaparola sui social – coordinato dai giornalisti Marco Gemelli (Il Forchettiere.it) e Leonardo Romanelli – con cui vengono invitati gli chef fiorentini e toscani ad aderire e a servire nei rispettivi ristoranti un piatto di/con baccalà mantecato e devolvere il ricavato a un progetto comune dedicato alla ricostruzione. Chi volesse partecipare all’iniziativa può comunicarlo a Paolo Gori (paologoriburde@gmail.com), al Forchettiere (marco@ilforchettiere.it) o a Leonardo Romanelli (leonardoromanelli@tiscali.it), in modo da allestire un elenco costantemente aggiornato delle strutture aderenti.

Al momento hanno già aderito singoli chef e comunità come l’Associazione Cuochi Fiorentini, con il presidente Massimiliano Catizzone che ha individuato un delegato per il progetto, mentre il momento conclusivo della campagna si terrà dal 6 all’8 dicembre alla Fortezza da Basso in seno alla manifestazione Enogastronomica2019. Una volta raccolti i fondi, gli chef potranno convogliarli sul conto corrente della Italian Chef Charity Night (Iban IT51H 01005 02970 0000 0000 1697) indicando “Venezia” come causale. Sullo stesso conto è possibile inviare donazioni individuali legate al progetto, sempre con la medesima causale. (foto Ansa)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here