Home Vetrina ADDIO POSTO FISSO, ADESSO SI TENTA LA FORTUNA CON IL DIGITALE

ADDIO POSTO FISSO, ADESSO SI TENTA LA FORTUNA CON IL DIGITALE

219
0

Diventare ricchi e famosi con il digitale in Italia è possibile. Il marketing online è un settore in continua crescita. Molti giovani in possesso di smartphone, pc, connessione a internet si stanno affacciando a questa nuova realtà con la speranza e l’obiettivo di crearsi un futuro. Allo stesso modo, tantissimi imprenditori, comprese le potenzialità della rete, stanno investendo molti capitali nel marketing online. Il posto fisso è stato messo in soffitta dalle nuove norme che regolano il mondo occupazionale. Come spiega Gianluigi Ballarani, imprenditore trentenne con dodici anni di esperienza e professore a contratto in Digital Marketing all’Università di Pavia, “oggi ci troviamo in un mercato che fino a 20 anni fa pochissimi professionisti si erano immaginati”.
Nell’ultimo anno in Europa – sottolinea Ballarani – “l’e-commerce è cresciuto del 11% e si prevede che nei prossimi quattro anni arriverà al 37%. L’affiliate marketing, nell’ultimo anno, ha generato oltre 12 miliardi di dollari di transazioni.
Ma, soprattutto, l’81% dei grandi brand internazionali vi fanno affidamento per la promozione dei prodotti”.
Un cambiamento epocale nel mondo del lavoro che Ballarani ha deciso di spiegare insieme al talent scout, manager e startupper Francesco Facchinetti, in un libro intitolato “Digitalization” pubblicato da Mondadori.
L’obiettivo è quello di fare luce sui meccanismi che governano il mondo del lavoro al tempo di internet: sia per i giovani che devono “crearsi” un lavoro sia per i professionisti e imprenditori che devono adattarsi alla nuova economia digitale.
“Abbiamo fatto parlare direttamente i protagonisti del digitale”, dice Ballarani. “Molti pensano che per avere successo con il digitale devi avere un’idea pazzesca. In realtà l’importante è intercettare un desiderio inappagato, oppure cogliere un’inefficienza e proporre una soluzione. Non servono necessariamente rivoluzioni”.