Home TOP NEWS ITALPRESS Nel libro “La grande balla” omaggio a Draghi, italiano che salvo’ l’euro

Nel libro “La grande balla” omaggio a Draghi, italiano che salvo’ l’euro

105
0
ROMA (ITALPRESS) – Si intitola “La grande balla” ed e’ il nuovo libro di Roberto Napoletano. Ecco un capitolo che ricostruisce l’atto risolutore della grande crisi compiuto da Mario Draghi che appare oggi di straordinaria attualita’ dopo la gaffe del suo successore Christine Lagarde alle prese con una nuova terza grande crisi globale che appare addirittura superiore a quella del 2011. “Piccolo omaggio a un grande italiano. Mario Draghi. Ha firmato l’atto risolutore della grande crisi. Ha salvato in tempi di guerra l’euro e il lavoro possibile. Ha salvato l’Europa. Tre parole uscite dalla sua testa (“Whatever it take”, qualunque cosa serva) che sono lui: l’analisi empirica, l’intelligenza politica, il dono della sintesi. Quelle tre parole non sono nel testo consegnato dai ghostwriter, alla conferenza di Londra del 26 luglio 2012, nessuno dei colleghi banchieri centrali ne e’ informato. Esprimono il coraggio dell’uomo.
Rimediano all’errore fatale del suo predecessore, il francese Jean-Claude Trichet. Inchiodano la politica europea alle sue responsabilita’ e fanno di lui paradossalmente insieme il custode massimo dell’indipendenza monetaria e il tutore piu’ rispettato della sovranita’ europea. Quest’uomo educato, una capacita’ unica di concentrazione, ha attraversato gli anni della crisi piu’ dura senza mai perdere la calma e consegna a una donna francese di potere, Christine Lagarde, l’eredita’ europea piu’ pesante. Lo spartiacque della politica monetaria espansiva, l’uscita dell’Europa dalla dittatura del marco, la leadership non scalfita dalle opposizioni perche’ racchiude il primato congiunto della visione e della concretezza. Insomma: l’eredita’ di chi fa il suo e ricorda agli altri – politica, impresa, cittadini – di fare il loro. Draghi oggi e’ la faccia riconosciuta dell’Europa nel mondo, il primo cui tutti pensano da una parte all’altra della terra se pensano al vecchio continente. Sono incarichi molto speciali che non si possono scrivere sui bigliettini da visita perche’ non c’e’ un ente che li attribuisce. Sono cose che succedono perche’ hai fatto qualcosa che resta ed e’ quel qualcosa che voglio qui raccontare, di seguito, pensando ai giorni in cui Draghi ha concluso i suoi otto anni di mandato. So di averlo fatto gia’ altre volte, ma so anche che e’ utile ripeterlo perche’ la memoria e’ meta’ del futuro che sapremo regalarci”.
(ITALPRESS).