Home Ripartire Fase 2, Dall’epoca del domicilio coatto a quella per i comuni...

Fase 2, Dall’epoca del domicilio coatto a quella per i comuni mortali degli appuntamenti impossibili con la movida in piena libertà

admin
372
0

di Umberto  Cecchi

La città, che passa da sempre per essere una delle più riottose, ma che in realtà placa tutto con una battuta, a volte cattivissima, ha finito per prendere due nette posizioni di costume; uno di sottomissione, l’altro di rivolta. Una sottomissione eccessiva e una rivolta indisponente perché antisociale. Provocatoria sol per scarsa intelligenza, non per un ragionamento rivoluzionario.

Vediamoli questi due atteggiamenti in contrasto fra loro, e vediamo come  dopo una sorta  di rigore quasi assurdo, siamo passati a un scarsità assoluta di controllo. E ancora una volta credo si tratti di una  sorta di gap generazionale: la generazione degli ultraquarantenni che rispetta regole talvolta assurde ed eccessive e quella dei giovani leoni incapaci però di ruggire sulle cose serie a patto solo d’avere un birra fra le mani e il branco a dar manforte.

Vediamo: siamo passati dall’epoca del domicilio coatto a quella degli appuntamenti. Oggi non si può far nulla senza prima aver preso un appuntamento che costa ore di pazienza, attaccati a un  telefono che raramente risponde, e guai a protestare se abbiamo la fortuna di avere una voce dell’altra parte della cornetta: Signore noi lavoriamo, e lei non ha pazienza. Come se a lavorare fosse solo una categoria, e gli altri no. Per la banca – la maggior parte della banche – ci vuole un appuntamento che costa una spiegazione lunga e paziente alle domande che vengono poste, e che alla fine sgorga in un consiglio: queste cose le può fare da se con il bancomat. E anche se non è vero, perché anche il bancomat ha le i suoi limiti, non resta che seguitare a chiamare.

Il parrucchiere, – per maschi e per femmine -dopo mesi di astinenza tonsoria- non sa se rispondere al telefono a seguitare il taglio, e così il cliente, paziente, seguita a chiamare per una mattinata. Al ristorante si prenota per tempo oppure non si mangia, e se si mangia la tristezza ci avvolge come il miele – come dice Guccini- fra sparuti avventori sparsi qua e là. E così via. Si entra nei negozi accuratamente vagliati, al bar gli anziani devono osservare le distante, i giovani, come vedremo, fanno come vogliono e nessuno interviene. Nonostante le regole hanno disinvoltamente rispristinato la movida su strade e piazze: centinaia di avventori che ciondolano qua e la con il loro bicchiere in mano, senza precauzione di distanza, senza benda: più una sfida alla società, alle regole, al rispetto per se stessi e per gli altri.

Nessuno toglie ai giovani quell’illusione meravigliosa d’essere eterni e immuni a tutto, senza pensare che così facendo possono essere di danno agli atri. Che nella loro mentalità se muoiono son fatti loro. Roba da vecchi.

Il problema è che nessuno li controlla. Ci sono  posti di blocco per le auto che ormai assurdi ma nessun rappresentante della legge interviene a sciogliere i raggruppamenti che in questa ‘fase due’ sono in assoluto l’unica cosa veramente pericolosa. Questo tra tanti errori commessi in questa penosa vicenda, dalla reclusione a tutto il resto, è l’ultimo in ordine di tempo: sottomettere tutti a una serie di rigidi impossibili appuntamenti – da due mesi aspetto dall’ospedale di  Prato una visita ospedaliera urgente decisa a suo tempo dai medici e per adesso mai fatta per una irrazionalità nella gestione del lavoro – dimostrazione che la sanità ha assoluto bisogno di un nuovo ordinamento. Non si può, come si è fatto in tutta Italia,  sospendere la cura del cancro, solo perché c’è un’altra malattia sulla quale intervenire. Ma sulla sanità e i suoi difetti decennali, che hanno portato gli ospedali ad avere più personale amministrativo che sanitario, parleremo la prossima volta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui