Home TOP NEWS ITALPRESS Confassociazioni, Deiana “Nuovo organigramma per accelerare crescita”

Confassociazioni, Deiana “Nuovo organigramma per accelerare crescita”

65
0
ROMA (ITALPRESS) – “Grandi novità e nuovi importantissimi ruoli manageriali nel nostro nuovo organigramma per accelerare ancora di più la nostra straordinaria crescita”. Lo ha dichiarato in una nota Angelo Deiana, Presidente di Confassociazioni.
“Nel dna di una grande rete professionale come la nostra c’è il gene fondante del suo successo: la capacità di saper coniugare il valore della tradizione con la spinta verso l’innovazione. E’ per questo che – ha continuato Deiana, a nome di tutto l’Ufficio di Presidenza di Confassociazioni composto da Riccardo Alemanno, Franco Pagani, Federica De Pasquale – abbiamo lavorato per un grande rinnovamento del nostro modello organizzativo.
Un’operazione impegnativa perchè, pur nella continuità degli obiettivi strategici (visione di lungo periodo, collaborazione competitiva e crescita costante), abbiamo inserito nuove importanti professionalità manageriali che fossero in grado di sostenere, in termini di competenze e relazioni, i numeri complessivi che Confassociazioni ha raggiunto: 1 milione e 180mila iscritti, 678 associazioni di professionisti e imprese, 210 mila imprese con 5,1 dipendenti medi”. La nuova struttura di vertice di Confassociazioni a livello centrale e territoriale è fatta di circa 400 importanti protagonisti del nostro mondo professionale e imprenditoriale. “Persone di grande rilievo – ha evidenziato Deiana – al servizio di una grande rete che fa rappresentanza e business community come la nostra. Una rete di comando diffusa che avrà come obiettivi primari sia quello di continuare ad espandersi in termini qualitativi e quantitativi, sia quello di continuare ad investire da veri e propri azionisti la propria professionalità in Confassociazioni e nel Paese. Le premesse positive ci sono tutte: i nomi e le biografie presenti sul sito raccontano l’altissimo livello professionale e imprenditoriale di cui stiamo parlando”.
(ITALPRESS).