Home News Da martedì 30 aperto Firenze il Museo di San Marco

Da martedì 30 aperto Firenze il Museo di San Marco

240
0

Il Museo di San Marco torna ad accogliere visitatori e turisti da martedì 30 giugno. Prosegue così, con un altro prestigioso luogo della cultura, il piano di riapertura graduale dei 49 musei statali della Direzione regionale musei della Toscana nel rispetto di tutte le norme di sicurezza previste per  i visitatori, il personale, gli ambienti e le opere, in linea con le indicazioni del Comitato tecnico scientifico nazionale e della Direzione Generale Musei del Mibact

Il Museo di San Marco ha sede nella parte più antica del convento che Michelozzo, l’architetto prediletto dai Medici, realizzò per preciso volere di Cosimo il Vecchio, ed è lo scrigno delle opere del Beato Angelico, con il ciclo di affreschi delle celle e la sua Annunciazione più famosa e conosciuta al mondo.

Appena terminato il lockdown sono immediatamente ripartiti i restauri programmati in occasione dei 150 anni dalla sua istituzione: la grandiosa Pala di Bosco ai Frati del Beato Angelico è già stata trasferita in sicurezza nel laboratorio di restauro ed è stato avviato il riallestimento della Sala dell’Ospizio che racchiude il nucleo più importante al mondo dei dipinti su tavola del ‘frate pittore’. Entrambi gli interventi sono sostenuti dalla Fondazione Friends of Florence che riconferma la generosa e costante collaborazione con la Direzione regionale musei della Toscana, diretta da Stefano Casciu.

Per questo le sale dell’Ospizio, del Refettorio grande e parte del chiostro di Sant’Antonino resteranno temporaneamente chiuse al pubblico in attesa dell’inaugurazione del nuovo allestimento delle opere, ciascuna con un’illuminazione dedicata, e un sistema di filtraggio della luce naturale. Il nuovo allestimento prevede inoltre pannelli informativi criticamente aggiornati progettati dallo studio De Vita – Schulze, per dare un assetto scientifico più rigoroso ad uno dei luoghi museali più emozionanti di Firenze.

Il percorso di visita attraverserà in ogni caso la maggior parte degli spazi più celebri e suggestivi del convento. Il famosissimo affresco dell’Annunciazione, simbolo della fede dei domenicani e l’opera più nota del Beato Angelico, icona del museo, appare con uno straordinario effetto scenografico alla fine della prima rampa di scale che conduce alle 43 celle affrescate per i suoi confratelli e al dormitorio. Il ciclo di affreschi è uno dei più celebri del Rinascimento fiorentino. L’aspetto severo ma sereno degli ambienti evoca ancor oggi il clima di meditazione del convento, la sua vita scandita da precisi obblighi di preghiera e di studio, lontana dai clamori della vita cittadina, che hanno ispirato e accolto, tra gli altri, il silenzio e le meditazioni di Sant’Antonino, priore del convento, di Cosimo il Vecchio e di Girolamo Savonarola.

A ottobre 2019, due celle hanno ospitato la prima installazione di arte contemporanea con un’opera di Wolfgang Laib, parte della mostra diffusa Without Time, Without Place, Without Body.  Il percorso di visita prosegue con la straordinaria architettura della Biblioteca progettata da Michelozzo come una basilica a tre navate che racchiude meravigliosi codici miniati e si conclude al piano terra con il Refettorio piccolo, affrescato dal Ghirlandaio con l’Ultima cena.

Giorni, orari di apertura e modalità di ingresso

Museo di San Marco
Piazza San Marco, 3 50121 Firenze Tel.055 0882000 drm-tos.mussanmarco-fi@beniculturali.it

Ingresso max 50 visitatori contemporaneamente e al primo piano max 40. Non sono ammesse visite guidate da parte di gruppi.

Dal lunedì al sabato, la 2a e la 4a domenica di ogni mese dalle ore 8.15 alle ore 13.50.  La biglietteria chiude alle 13.20. Chiuso il lunedì successivo a ogni domenica aperta.

Il biglietto intero sarà ridotto temporaneamente a € 6 per la chiusura di alcuni spazi museali in riallestimento. Invariato il biglietto ridotto a € 2.00 per i cittadini dell’U.E. tra i 18 e i 25 anni
Riduzioni e gratuità secondo le norme di legge previste per i musei statali.

Indicazioni generali  per l’ingresso e la visita ai musei

È necessario seguire le indicazioni fornite dal personale di accoglienza e attenersi alle disposizioni di sicurezza:
• Rilevazione della temperatura a cura del personale e ingresso vietato in caso di febbre superiore a 37.5°
• Ingresso con obbligo di mascherina
• Lavare/igienizzare spesso le mani
• Rispetto della distanza interpersonale di almeno 1,5 mt.
• Non sostare negli spazi di passaggio

 Tutti i musei statali della Direzione regionale musei della Toscana già aperti in costante aggiornamento sul sito www.polomusealetoscana.beniculturali.it

Museo archeologico nazionale di Firenze e Villa Corsini a Castello
Da giovedì 25 giugno 2020

Museo archeologico nazionale e Antica Città di Cosa ad Ansedonia (GR)
Da martedì 23 giugno 2020, tutti i giorni con orario continuato dalle 10.15 alle 18.00. Ingresso gratuito al museo per un mese, fino al 23 luglio

Giardino e Villa medicea di Cerreto Guidi e i Giardini della Villa medicea di Castello e della Villa medicea di Petraia con il progetto ” I Giardini della Bizzarria”
Dal 12 giugno al 5 luglio 2020. Visite e percorsi narrativi realizzati in collaborazione con Stazione Utopia, con il sostegno di Unicoop Firenze. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Museo archeologico nazionale di Castiglioncello, gestito dal Comune di Rosignano Marittimo in base ad un accordo  con la Direzione regionale mussei della Toscana .
Dal 13 al 30 giugno 2020: sabato ore 16.30-19.30 e domenica ore 10-13. Dal 1 luglio al 5 settembre 2020: dal martedì alla domenica 17.30-20.30. Ingresso gratuito

Area archeologica di Roselle.
Da giovedì 4 giugno e a ingresso gratuito per un mese intero fino al 5 luglio.

Cortona (AR) – Area archeologica del Sodo, gestita in base ad un accordo con la Direzione regionale musei della Toscana dal Comune di Cortona 
Da venerdì 29 a martedì 2 giugno, dalle 10 alle 19 e tutti i venerdì, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19.

Parco di Villa il Ventaglio e Cenacolo di Sant’Apollonia 
Da mercoledì 27 maggio 2020, entrambi a ingresso gratuito.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here