Home Ripartire Galleria dell’Accademia, presentato il cantiere per il restauro della Sala del Colosso

Galleria dell’Accademia, presentato il cantiere per il restauro della Sala del Colosso

130
0

Questa mattina il Direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze, Cecilie Hollberg, ha presentato il prossimo importante intervento alla Sala del Colosso, la prima grande sala che si incontra nel percorso espositivo del museo, caratterizzata, al centro, dall’imponente bozzetto in terra cruda del Ratto delle Sabine, capolavoro del Giambologna.

A partire dal prossimo 5 ottobre, questa sala sarà momentaneamente chiuso al pubblico per essere oggetto di un restauro architettonico-strutturale con il consolidamento delle strutture lignee a copertura della sala. Sarà inoltre sottoposto ad un restyling che riguarderà la completa ritinteggiatura ed un nuovo, moderno ed adeguato impianto di illuminazione, studiato per esaltare le opere esposte. Un intervento importante che segue quello al nuovo impianto di areazione, appena inaugurato, il 2 giugno scorso.

“Sono molto contenta di poter annunciare finalmente l’apertura di questo nuovo cantiere che fa parte degli impegni che ho assunto da quando ho accettato il ruolo di direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze – ha dichiarato DCecilie Hollberg.  – Sono lavori di grande importanza, che consentiranno di risanare i gravi problemi di ordine strutturale delle capriate settecentesche della Sala del Colosso, e non solo. Gli interventi riguarderanno anche l’illuminazione e l’allestimento al fine di valorizzare al massimo gli splendidi dipinti, poco visibili, conservati in questo ambiente che introduce al percorso espositivo del museo.”

Per poter realizzare questi lavori le opere esposte in questa sala saranno trasferite negli ambienti adiacenti, normalmente dedicati alle esposizioni temporanee, in quanto la Galleria non ha magazzini a disposizione per permettere la loro conservazione. Sarà realizzato un nuovo allestimento in modo da poter essere godute comunque da parte del pubblico con visite particolari e modalità che saranno rese note successivamente.

Perugino, Assunzione

Non tutte le opere saranno comunque trasferite. Il Ratto delle Sabine, la grande pala dell’Assunzione di Pietro Perugino, datata 1500, e la pala dell’Immacolata Concezione di Antonio Sogliani, di difficile movimentazione per dimensioni e fragilità, saranno protette fino alla fine dei lavori, previsti per il prossimo luglio 2021,  nel modo più accurato ed efficace da strutture progettate e realizzate ad hoc, che permettano alle opere di essere comunque sempre visionabili e controllabili.

Gli aggiornamenti sulle fasi del cantiere saranno documentate e comunicate di volta in volta, rendendo partecipe il pubblico con un monitor che illustrerà la storia e il contenuto di questa sezione della collezione del museo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here