Home Focus Pedofilia online, perquisizioni in 18 regioni. Due arresti in Toscana

Pedofilia online, perquisizioni in 18 regioni. Due arresti in Toscana

160
0
Oltre 300 uomini della Polizia Postale hanno eseguito perquisizioni e arresti in flagranza in 53 province e 18 regioni italiane. Si tratta della più imponente operazione di Polizia degli ultimi anni contro la pedopornografia online.
Dopo due anni di indagini condotte sotto copertura sulla rete Internet, la Polizia Postale di Milano e del Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale di Roma, coordinati dai procuratori aggiunti Fusco e Mannella insieme ai sostituti Barilli e Tarzia della Procura Distrettuale di Milano, hanno identificato 432 utenti che, sfruttando le potenzialità delle diffusissime applicazioni WhatsApp e Telegram, partecipavano a “canali” e “gruppi” finalizzati alla condivisione di foto e video pedopornografici ritraenti vere e proprie violenze sessuali su minori.
Gli abusi, in particolare, riguardavano prevalentemente bambine e bambini in tenera età e, in alcuni casi, anche neonati. Dei 159 gruppi individuati dagli investigatori della Polizia Postale, 16 erano delle vere e proprie associazioni per delinquere, al cui interno era possibile distinguere promotori, organizzatori e partecipi, con ruoli e compiti ben definiti. Sono 81 gli italiani identificati dalla Polizia Postale milanese, due dei quali, un ottico con collaborazioni universitarie napoletano di 71 anni e un disoccupato veneziano di anni 20, promuovevano e gestivano gruppi pedopornografici, organizzandone l´attività e reclutando nuovi sodali provenienti da ogni parte del mondo. Sono 351 gli utenti stranieri coinvolti nell´indagine, per ciascuno dei quali sono state raccolte tutte le tracce informatiche utili alla loro identificazione.
DUE ARRESTI IN TOSCANA

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Firenze, con l’ausilio della Sezione Polizia Postale di Pisa, ha tratto in arresto in flagranza di reato due soggetti resisi responsabili del reato di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico. In ambito Toscano, dunque  il personale specializzato della Polizia Postale ha eseguito tre perquisizioni locali e personali rinvenendo nel corso delle operazioni, in tutti i casi, elementi di reità a carico dei destinatari del provvedimento. L’attenta attività di ispezione dei supporti informatici nella disponibilità dei soggetti, ha aggravato la posizione di due di questi, un sessantaquattrenne della provincia di Firenze ed un quarantaduenne della provincia di Pisa, permettendo il rinvenimento di un ingente quantità di immagini e video a carattere pedopornografico nonché la partecipazione attiva a gruppi WhatsApp della medesima natura. Si tratta di contenuti anche deprecabili che vedono coinvolti adulti in atti sessuali con minori di tenera età. L’evidenza di tali elementi ha comportato l’arresto in flagranza di reato dei due, con l’applicazione da parte dell’autorità giudiziaria del regime di arresti domiciliari. L’operazione, tutt’ora in corso, è ritenuta la più imponente operazione degli ultimi anni contro la pedopornografia online.