Home Focus La Fiorentina in crescita costretta a rincorrere per un rigore inesistente...

La Fiorentina in crescita costretta a rincorrere per un rigore inesistente all’inizio della partita

87
0

La Fiorentina si trova a rincorrere dai primi minuti per un rigore inesistente assegnato dall’arbitro al Verona con Salcedo che si butta in terra. Rogore dopo ben 6 minuti di colloquio con il Var. Si può pensare il fatto che dal VAR si è messo l’arbitro sul chi nvive ma Foureau dopo aver visto il monitor ha deciso per il Penanlty. Da quel momento la Fiorentina ha tirato fuori gli attributi. La gara ruota tutta o quasi ai due calci di rigore assegnati dal direttore di gara Fourneau fra il 2′ ed il 18′, apparsi entrambi molto più che dubbi. Ci vogliono quasi sei minuti per far calciare il primo, realizzato da Miguel Veloso, perchè alla Var ci mettono un pò a selezionare le immagini che non fanno però cambiare idea all’arbitro romano, convinto fin dall’inizio di un tocco di Barreca su Salcedo in area. Pochi secondi invece per Vlahovic fra il subire fallo ad opera di Gunter e la realizzazione alle spalle di Silvestri (18′). Allo scoccare dell’ora di gioco Prandelli stravolge tatticamente la sua Fiorentina: dentro anche Callejon e passaggio dal 3-5-2 al 4-3-3. Gli scaligeri ci credono di più ma si arriva con pochi altri sussulti al triplice fischio finale di Forneau e l’1-1 scontenta tutti.

FIORENTINA-VERONA 1-1
Fiorentina 
(3-5-2): Dragowski 6,5; Milenkovic 6, Pezzella 6,5, Igor 6,5; Venuti 5,5 (15′ st Lirola 6), Bonaventura 6 (15′ st Callejon 5,5), Amrabat 6,5, Castrovilli 5,5 (41′ st Cutrone sv), Barreca 6 (15′ st Biraghi 6); Ribery 6,5 (39′ st Borja Valero sv), Vlahovic 6,5. A disp.: Terracciano, Caceres, Martinez Quarta, Pulgar, Saponara, Kouamè. All.: Prandelli
Verona (3-4-2-1): Silvestri 6; Dawidowicz 6, Gunter 5,5 (5′ st Magnani 6), Ceccherini 6; Faraoni 5,5, Tameze 5,5 (25′ st Ilic 6,5), Miguel Veloso 6,5, Dimarco 6; Lazovic 5,5 (25′ st Ruegg 6,5), Zaccagni 5,5 (33′ st Yeboah sv), Salcedo 5 (1′ st Colley 6,5). A disp.: Berardi, Lovato, Pandur, Cetin, Danzi, Udogie, Amione, Bertini. All.: Juric.
Arbitro: Forneau di Roma
Marcatori: 8′ pt Miguel Veloso rig. (V), 19′ pt Vlahovic rig. (F)
Ammoniti: Bonaventura, Igor, Vlahovic (F), Dimarco, Ceccherini (V). Ammonito l’allenatore Juric (V)
Espulsi: nessuno

I MIGLIORI PER LA FIORENTINA

Ribery 6,5– Riesce a dare fiducia a tutta la squadra anche se non è stata un delle migliori partite.
Amrabat 6,5 – Rimesso nel suo ruolo comanda il centrocampo recuperando e rilancando molti palloni
Pezzella 6,5 – E’ tornato ai momenti migliori con una difesa ben organizzata

Vlahovic 6,5. Ha lottato con tutta la difesa del Verona. Quando i tempi saranno migliori  con un appoggio farà la sua parte

Igor 6,5 -.Da sicurezza alla difesa. Ne guadagna anche Pezzella

FOURNEAU 36 ANNI DI ROMA

Retrocesso in Serie B per aver arbitrato in maniera troppo severa specialmente sull’espulsione di Chiesa. Il nome dell’arbitro Fourneau  ha fatto scalpore dopo il pareggio dei bianconeri a Crotone (1-1). Gol annullato col Var alla ‘vecchia signora’, rigore concesso ai calabresi, cartellino rosso (espulsione diretta) a Federico Chiesa per aver commesso un fallo in scivolata: questi gli episodi che hanno alimentato polemiche. E così quando nella settimana successiva il suo nome è capitato tra le designazioni della Serie B (quarto uomo nel match tra Reggina e Cosenza). Non c’entra il problema Juve a Crotone. Nel suo Curriculum ci sono molte gare che hanno visto le contestazioni delle squadre. La retrocessione in serie B anche se adesso non esiste più sulla carta era dovuto agli errori e al modo di stare in campo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here