Home Magazine Ospedale Santa Maria Nuova, l’albero di Natale decorato dai biglietti dei bambini

Ospedale Santa Maria Nuova, l’albero di Natale decorato dai biglietti dei bambini

159
0

La speranza che l’anno nuovo sia migliore del precedente è affidata ai bambini delle scuole dell’infanzia e ai loro biglietti colorati e pieni di cuori che addobbano l’albero di Natale allestito dal Comune di Firenze all’ingresso di Santa Maria Nuova. Sofia scrive: “Il Natale è …felicità e io resto con te”. Yuki invece: “Vi auguro di stare bene e di tornare dalla vostra mamma”. Un pensiero semplice e potente, insieme a un disegno dedicato all’ospedale, a chi ci lavora e a chi ci entra per curarsi: questo è il piccolo regalo di Natale che è stato chiesto ai bambini, per alleggerire con la loro innocenza un periodo complicato e rendere l’abete dell’ospedale davvero speciale.

La Fondazione Santa Maria Nuova Onlus insieme alla Direzione Sanitaria del Presidio ospedaliero hanno infatti coinvolto i bambini di alcune scuole dell’infanzia del centro: Lavagnini, Innocenti, Rucellai, Agnesi, Rossini, Enriquez Capponi, Sant’Ambrogio e Vittorio Veneto.

“Cari dottori, grazie per aver curato tutte le persone con il coronavirus e la mia mamma che aveva un intervento al cuore”. I messaggi che pendono dai rami sono tutti di amore, affetto e gratitudine.  C’è chi, rivolto a medici e infermieri scrive : “Grazie per aver curato la gente che stava male”. Altri sono più diretti “E’ bello il tuo albero? Tanti auguri per quando sarà il tuo compleanno” e alcuni dolcissimi “Vi voglio bene”. Cuori, alberi e regali nei loro disegni annunciano che il Natale è arrivato anche all’ospedale Santa Maria Nuova.

“Ci è sembrato il modo migliore per attendere questo Natale così diverso, in un luogo dove le feste appaiono sempre lontane – commenta Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus –  Sono auguri che ci danno la forza di continuare a lottare contro la pandemia e ci richiamerà tutti verso un senso di responsabilità concreto, per non rendere questo periodo l’anticamera di un inverno ancora più difficile.  Ringraziamo il Comune di Firenze e i Servizi Educativi comunali per la disponibilità e la collaborazione”

“Questo albero che come ogni anno il Comune dona all’ospedale quest’anno si carica di un significato particolare: la speranza che deve essere più forte della cupezza del momento che stiamo vivendo – ha detto Elisabetta Cocchi, Direttore del Presidio Ospedaliero Santa Maria Nuova – L’albero colorato e pieno di luce è per tutti noi: cittadini, pazienti e operatori. E proprio per connotare la speranza di luci e colore come il nostro albero, ci è sembrato importante rivolgerci ai più piccoli e chiedere loro un pensiero che sicuramente allieterà tutti noi. Grazie davvero alle scuole e ai bambini per questo dono rivolto all’ospedale”

“I bambini delle nostre scuole dell’infanzia illuminano di speranza questo Natale anomalo segnato dalla pandemia, che ha generato sofferenza per tante persone – ha detto l’assessore comunale all’Educazione Sara Funaro -. I coloratissimi bigliettini di auguri che hanno realizzato con le loro piccole mani decorano l’albero di Natale e attraverso di essi faranno sentire la loro vicinanza ai ricoverati, alle loro famiglie e a tutti coloro che lavorano a Santa Maria Nuova. Con il loro entusiasmo e la loro sensibilità i bambini riescono sempre a strappare un sorriso anche nei momenti difficili, come quello che stiamo vivendo”. “Ogni bigliettino appeso all’albero – ha continuato Funaro – è come se fosse una pillola di serenità per ogni persona che entra, per motivi vari, in ospedale. È bello quando i più piccoli fanno qualcosa per la comunità, per le persone che soffrono, che sono meno fortunate e per ringraziare chi si dà da fare, sacrificando anche la propria vita personale, per proteggere la nostra salute. Grazie alla Fondazione Santa Maria Nuova Onlus e all’ospedale di Santa Maria Nuova per averci coinvolto in questa bella iniziativa di Natale”.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here