Home Focus Giornata Braille. Giani chiede aiuti statali per la Scuola cani guida di...

Giornata Braille. Giani chiede aiuti statali per la Scuola cani guida di Scandicci

Lorenzo Ottanelli
267
0

Nella Giornata nazionale del Braille, la Toscana ricorda di essere sempre stata sostenitrice di politiche per ciechi e ipovedenti. Sono molti i centri collegati alla Regione che praticano riabilitazione visiva, oltre alla stamperia Braille più antica d’Europa e alla Scuola cani guida di Scandicci.

Il governatore Giani ha celebrato questa tradizione annunciando il proprio impegno affinché siano recepite le richieste avanzate dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti a proposito della Scuola cani guida di Scandicci: superare il confine regionalistico e ottenere le risorse pubbliche direttamente dallo Stato.

“Assicuro l’impegno richiesto sia a proposito della Scuola cani guida di Scandicci, confermando le risorse regionali, sia a proposito del lavoro a livello di sollecitazione parlamentare per venire incontro alla richiesta appena avanzatami dal presidente nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Mario Barbuto, di ottenere risorse statali, utili e necessarie per il mantenimento della qualità delle attività della Scuola”.,ha detto il presidente Giani.

L’annuncio è avvenuto durante la manifestazione di oggi in Piazza Duomo davanti a Palazzo Strozzi Sacrati alla quale hanno partecipato Giani, Barbuto, Massimo Diodati (presidente del consiglio regionale toscano dell’UICI) e la vicepresidente Elena Ferroni. Con loro, il consigliere delegato dal presidente Giani al terzo settore Massimo Pieri e alcuni rappresentanti delle famiglie che hanno in affido i cuccioli di Labrador che saranno addestrati a diventare cani guida.

I cani guida già addestrati e le giovani leve sono stati gli altri protagonisti della mattinata, che hanno animato con manifestazioni sottola guida degli addestratori della Scuola.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui