Home TOP NEWS ITALPRESS Da Intesa Sanpaolo “Motore Italia”, 50 mld per piccole e medie imprese

Da Intesa Sanpaolo “Motore Italia”, 50 mld per piccole e medie imprese

216
0
ROMA (ITALPRESS) – Si chiama “Motore Italia”, il nuovo programma strategico di finanziamenti e iniziative di Intesa Sanpaolo per consentire alle piccole e medie imprese italiane di superare la fase di difficoltà causata dalla pandemia e rilanciarsi attraverso nuovi progetti di sviluppo e crescita. Il piano mette a disposizione 50 miliardi di euro di nuovo credito a favore di iniziative per la liquidità e investimenti nella transizione sostenibile e digitale.
Anticipando i bisogni di liquidità e supporto in vista delle prossime scadenze delle misure governative, il programma stabilisce nuove soluzioni per allungare la durata dei finanziamenti in essere, ampliando le iniziative di sostegno alla liquidità messe in atto nel 2020. Previsti inoltre ulteriori interventi per preparare le PMI al rilancio economico e al recupero di competitività attraverso investimenti per la transizione digitale e sostenibile, in linea con i futuri obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Plan).
Alla presentazione di Motore Italia hanno preso parte Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, ed Emanuele Orsini, vicepresidente di Confindustria per il Credito, la Finanza e il Fisco.
Anna Roscio, responsabile direzione Sales&Marketing Imprese, ha illustrato i 5 pilastri del nuovo piano di Intesa Sanpaolo e le misure predisposte per supportare la ripartenza delle PMI italiane; il chief economist di Intesa Sanpaolo Gregorio de Felice ha rappresentato contesto e prospettive dell’economia italiana, mentre Nando Pagnoncelli, presidente di IPSOS, ha descritto il contesto sociale.
Il programma “Motore Italia” di Intesa Sanpaolo si compone di cinque linee di intervento, calibrate sulle direttrici strategiche della crescita del Paese che, complessivamente, potranno innescare nuove erogazioni di credito per oltre 50 miliardi di euro, grazie anche al supporto delle risorse rese disponibili attraverso il Fondo Centrale di Garanzia e SACE: Liquidità ed estensione dei finanziamenti; Investimenti per la transizione tecnologica; Investimenti per la transizione sostenibile; Finanza strutturata e straordinaria; Soluzioni non finanziarie e partnership qualificate.
“A distanza di un anno dalle prime misure intraprese per la tenuta dell’economia, Intesa Sanpaolo si conferma fedele alleato delle PMI adottando con tempestività, in questa fase ancora critica, la misura più idonea e indispensabile per offrire loro maggiore tranquillità finanziaria: l’estensione della durata dei finanziamenti in essere. Da un lato si allunga così l’orizzonte di rientro del debito, dall’altro si consente alle aziende di pianificare investimenti che siamo pronti a sostenere con nuovo credito per 50 miliardi di euro”, dice Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo. “Dall’inizio della pandemia abbiamo fronteggiato le emergenze con iniziative ed erogazioni della Banca dei Territori per le PMI pari a 45 miliardi di euro nel 2020”, ricorda Barrese, “sostenendo la gestione degli impegni finanziari di breve termine, finanziando la liquidità e intervenendo con la sospensione delle rate e con specifici interventi sui settori più colpiti. Ora è il momento di fare un passo in più per accelerare insieme il rilancio, con un impegno orientato a un futuro sostenibile dal punto di vista economico, ambientale, sociale. Solo investendo sulla crescita e sulla transizione digitale e sostenibile saremo in grado di recuperare tempestivamente la nostra competitività sul mercato interno ed estero”.
(ITALPRESS).