Home MAGAZINE Scoprì l’amante del marito dal conto corrente. Chiesti i danni alla banca

Scoprì l’amante del marito dal conto corrente. Chiesti i danni alla banca

admin
410
0

Grazie ai dati del conto corrente, scopri’ che il marito aveva un’amante. La coppia si e’ poi separata. Ora lui chiede 2 milioni di euro di danni alla banca, perche’, sostiene, forni’ alla moglie delle informazioni alle quali lei non avrebbe potuto accedere. Il processo civile e’ in corso a Firenze, dove abitava la coppia. Secondo quanto ricostruito nell’esposto presentato dall’ avvocato Paolo Florio, che assiste l’uomo, un imprenditore con alle spalle una breve esperienza da calciatore nella Fiorentina degli anni Settanta, nel 2004 la moglie, forse sospettando il tradimento, chiese alla banca di poter accedere ai conti correnti del marito. L’istituto, probabilmente per errore, glielo consenti’, nonostante la donna avesse diritto a visionarne solo quello privato di cui era cofirmataria, ma non quello della ditta. Grazie a quelle informazioni, la donna scopri’ dei prelievi fatti dal marito in diversi negozi veneziani – di abbigliamento e gioiellerie – nei giorni in cui l’uomo si sarebbe dovuto trovare all’estero. Dall’esposto e’ nato un procedimento penale per violazione della privacy, tuttora in fase di indagini a Lodi, e uno civile, in corso a Firenze, per il risarcimento dei danni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui