Home Senza categoria La carta prepagata Mooney ancora più digitale

La carta prepagata Mooney ancora più digitale

217
0
A distanza di quattro mesi dal lancio, la carta Mooney è ancora più digitale: si può richiedere e attivare direttamente da smartphone o tablet attraverso l’app, oltre che sulla rete di punti vendita. Mooney è la prima azienda di proximity banking & payments in Italia nata a gennaio 2020 dall’accordo tra SisalPay e Banca 5 (Gruppo Intesa Sanpaolo).
Grazie all’IBAN italiano che la rende una vera e propria “carta-conto”, con Mooney è possibile fare acquisti online e in tutto il mondo nei negozi del circuito Visa, eseguire operazioni di pagamento come bollette, ricariche di carte prepagate e telefoniche, e usufruire di servizi che prima erano disponibili solo nelle filiali bancarie (come prelievi e bonifici). Con la carta Mooney è possibile prelevare negli ATM di tutte le banche. Il costo del canone annuo è di 8 euro.
Mooney è stata scelta già da più di 170 mila nuovi clienti, l’app Mooney da 600 mila utenti. Oltre a gestire tutte le operazioni della carta prepagata, l’applicazione permette anche di pagare multe, bollette, bollettini e tributi, scansionando il codice a barre presente all’interno dell’avviso di pagamento con la fotocamera dello smartphone, di pagare il bollo auto e moto inserendo il numero di targa, di fare ricariche telefoniche e archiviare le ricevute dei servizi effettuati in punto vendita in pochi semplici passi.
Nei primi 4 mesi del 2021 il 50% delle transazioni dell’azienda è stato effettuato in modalità cashless: una crescita del 20% rispetto agli stessi mesi del 2019 che conferma il trend di cambiamento delle abitudini di acquisto degli italiani accelerato anche dalla pandemia.
Secondo Emilio Petrone, amministratore delegato di Mooney, “la carta Mooney piace agli italiani grazie alla velocità di attivazione, alla facilità di utilizzo e agli elevati standard di sicurezza. Uno strumento di pagamento inclusivo che conferma la nostra vocazione innovativa e risponde alle necessità di una società sempre più cashless”.