Home News Zan: “Non sono credente, ma ascolto i cattolici”

Zan: “Non sono credente, ma ascolto i cattolici”

admin
113
0
«Non sono credente, ma ho avuto una educazione cattolica e da ragazzo ero dell’Azione cattolica e leggevo i Vangeli in Chiesa. Il fatto di essere gay e vedere che la Chiesa non mi accettava, mi ha allontanato». Sono le parole di Alessandro Zan, deputato dem e attivista lgbt, da cui prende il nome la legge contro l’omotransfobia, in una intervista a Repubblica.
«Non ho mai detto, nè dico che la legge non si possa cambiare. Il Senato ha la sua autonomia. Ma alla Camera abbiamo fatto oltre un anno di lavoro, di mediazione e di confronto, con emendamenti e discussioni, raccogliendo preoccupazioni e dubbi».
«Abbiamo già modificato l’articolo 4 del ddl per chiarire, ove mai ce ne fosse stato bisogno, il pluralismo delle idee e la libertà delle scelte. Se un parroco in una chiesa dice che gli omosessuali sono tutti peccatori, nessuno mai potrà sanzionare questa espressione. Se uno oggi dice ‘gli ebrei devono morire’ scatta la legge Mancino per istigazione all’odio religioso. Ma se afferma ‘i gay devono morire’, silenzio».
Zan chiarisce anche l’argomento scuole: «L’articolo 7 non impone dei percorsi: c’è una offerta formativa che sta nel patto di corresponsabilità sui progetti condivisi tra scuola e famiglia. A nessuna scuola può essere imposto di inserire ciò che non vuole.
Identità di genere? Serve solo a proteggere le vittime di violenza e per fornire al giudice il movente che ha determinato quella aggressione o discriminazione».