Home TOP NEWS ITALPRESS Consegnate le bandiere, parte l’avventura olimpica di San Marino

Consegnate le bandiere, parte l’avventura olimpica di San Marino

60
0
SAN MARINO (ITALPRESS) – Con la consegna delle bandiere che sventoleranno durante la cerimonia d’apertura del 23 luglio l’avventura della squadra sammarinese che parteciperà ai Giochi Olimpici di Tokyo è ufficialmente iniziata. Come tradizione la delegazione è stata ricevuta nel primo pomeriggio in udienza ufficiale dagli Eccellentissimi Capitani Reggenti Giancarlo Venturini e Marco Nicolini per il classico saluto benaugurale e per la consegna della bandiera sammarinese. Anzi bandiere perchè, aderendo all’invito del Cio a indicare un doppio portabandiera, uomo e donna, il Cons ha individuato i due atleti che faranno sventolare il vessillo durante la cerimonia d’apertura. Si tratta della nuotatrice Arianna Valloni, la più giovane della spedizione con i suoi vent’anni, e di Myles Nazem Amine Mularoni. Il lottatore, impegnato nel fitto calendario di allenamenti negli Stati Uniti, non era presente all’udienza di oggi: al suo posto la bandiera è stata ritirata dal capo missione Federico Valentini. Per il resto tutti presenti gli atleti, a partire da Alessandra Perilli, alla sua terza partecipazione olimpica, e proseguendo con il compagno di disciplina (tiro a volo) Gian Marco Berti e il judoka Paolo Persoglia. Tutti visibilmente emozionati e pronti a tenere alto il nome di San Marino all’Olimpiade. “Siate orgogliosi di essere degni rappresentanti della nostra Repubblica – hanno detto i Capi di Stato agli atleti -. Sappiate che anche nei momenti di maggior tensione non sarete soli, perchè tutti i sammarinesi saranno idealmente al vostro fianco a supportarvi”. Sulla squadra che il prossimo 17 agosto partirà alla volta di Tokyo, il presidente del Cons Gian Primo Giardi ha commentato: “E’ una delle delegazioni più qualitativa di sempre, con due punte di diamante che sono tra i primi 5 della classifica mondiale nelle loro discipline. Siamo orgogliosi di presentare una delegazione che può togliersi delle soddisfazioni”.
(ITALPRESS).