Home Vetrina Cosa si sono detti Conte e Draghi sulla riforma della giustizia

Cosa si sono detti Conte e Draghi sulla riforma della giustizia

admin
93
0

re quarti d’ora di faccia a faccia a palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Tanto è durato l’incontro con il leader in pectore del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, che lo definisce “cordiale e molto proficuo”. Convitato di pietra il tema della Giustizia che ha scosso il Movimento 5 stelle, che ora si prepara ad affrontare la battaglia parlamentare presentando emendamenti alla mediazione uscita del Cdm sulla riforma del processo penale.

Quindi sull’altro fronte caldo, il ddl Zan su cui in Senato la maggioranza rischia di non avere i numeri, non tradisce alcuna incertezza: “è una legge che appoggiamo”, dice infatti. E sull’appoggio all’Esecutivo parla di Transizione ecologica e vaccini: “Il ministro Cingolani ha la nostra fiducia. M5s darà un grande contributo. Tutti parliamo di transizione ecologica ma bisogna rimboccarsi le maniche e passare dagli slogan ai fatti concreti. M5s lavorerà con Cingolani con grande disponibilità”, nota.Quanto alla pandemia “non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo mantenere sempre vigili i presidi per la protezione sanitaria. Dobbiamo continuare a promuovere la campagna vaccinale perche’ è l’unico vero antidoto per poter contrastare la pandemia e per poter proteggere il tessuto economico e sociale”, osserva diradando anche ogni possibile dubbio sulla sua eventuale corsa per un seggio suppletivo alla Camera: “Ho pensato di non candidarmi, perchè ho preso altri impegni con M5s per me prioritari”.  La politica “è dappertutto”, ha aggiunto l’ex presidente del Consiglio spiegando che come leader M5s finirebbe per non poter frequentare l’Aula di un Parlamento “per cui – ha sottolineato – ho molto rispetto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui