Home News L’indice Rt scende a 1,27, ma dopo Ferragosto le isole rischiano di...

L’indice Rt scende a 1,27, ma dopo Ferragosto le isole rischiano di cambiare coloreL’indice Rt scende a 1,27, ma dopo Ferragosto le isole rischiano di cambiare colore

101
0

L’impatto della malattia sui servizi ospedalieri è limitato, tuttavia i tassi di occupazione e il numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva sono in aumento.

L’indice Rt in Italia è in netto calo: è passato da 1,56 della scorsa settimana a 1,27 di questa. È il dato più rilevante che emerge dal report settimanale di monitoraggio di ministero della Salute e Iss. Ancora in salita invece l’incidenza, passata a quanto si apprende da 68 casi settimanali per centomila abitanti a 73 per centomila. Oltre al calo dell’Rt, “si osserva – sottolinea il rapporto – una leggera diminuzione anche dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt=1.2 (1.14-1.25) al 3/8/2021 vs Rt=1.24 (1.18-1.32) al 27/7/2021) che si mantiene tuttavia al di sopra della soglia epidemica”.

Si conferma poi che “la circolazione della variante delta è largamente prevalente in Italia. Questa variante è dominante nell’Unione Europea e associata a un aumento nel numero di nuovi casi d’infezione anche in Paesi con alta copertura vaccinale”. “Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione – sottolinea il rapporto – rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenute da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità. È opportuno realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale”.

Il report evidenzia poi che “l’attuale impatto della malattia Covid-19 sui servizi ospedalieri è limitato, tuttavia i tassi di occupazione e il numero di ricoverati in area medica e terapia intensiva sono in aumento. La trasmissibilità stimata sui soli casi ospedalizzati è sopra la soglia epidemica”. Nell’ultima settimana, si legge nel report, “nessuna Regione/PA supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica“. Il tasso di occupazione in terapia intensiva “è in leggero aumento al 3,7% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute), con il numero di persone ricoverate in aumento da 258 (03/08/2021) a 322 (10/08/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 5,2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 2.196 (03/08/2021) a 2.880 (10/08/2021)”.

Nell’ultima settimana di monitoraggio 18 Regioni risultano classificate a rischio moderato, le restanti 3 (Lazio e le Province autonome di Bolzano e Trento) sono a rischio basso.  Undici Regioni riportano allerte di resilienza. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza. Aumenta il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (15.026 vs 12.683 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti aumenta leggermente (32% vs 30% la scorsa settimana). Aumenta anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (47% vs 46%). Infine, il 21% è stato diagnosticato attraverso attività di screening.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here