Home Vetrina Della Valle:”Non avevo dubbi sulla reazione della squadra”. Le interviste

Della Valle:”Non avevo dubbi sulla reazione della squadra”. Le interviste

admin
333
0

E’ raggiante Andrea Della Valle al terminer del vittorioso incontro con il Siena, derby vinto dai viola per 4 a 1 . Parla anche del ritrovato rapporto con il sindaco Renzi a un mese dalle primarie, sicuro che la strada per lo stadio è in una fase positiva 

Presidente ha temuto di non ritrovare subito la strada giusta? ”Non avevo dubbi che dopo la sconfitta di Roma, dove i singoli hanno fatto la differenza a favore dei giallorossi, ci sarebbe stata la reazione”.     Soddisfatto della classifica?   “Ce la giochiamo alla pari con tutte le altre. Ora pensiamo al Palermo, dietro la Juventus siamo tutti li’ nell’arco di pochi punti. Siamo tanti lassu’, e vicini”.                                                            Arriveranno rinforzi?  ”La settimana prossima parliamo del futuro. Attaccanti? Ne abbiamo tanti, il gruppo ha bisogno di pochissimi ritocchi. Vedremo – sottolinea il patron viola -. Questa estate avevo la sensazione che Toni avrebbe fatto bene. Sono molto contento per Pizarro, un grande uomo, mi ha fatto molto piacere vedere che quando ha segnato tutti lo hanno abbracciato, un momento bello e toccante”.                                                               La cittadella?   ”Matteo Renzi? Non e’ uscito da sconfitto dalle primarie del centrosinistra, lo vedrete anche in primavera”. Lo ha detto Andrea Della Valle parlando del sindaco di Firenze che ha assistito assieme, e non e’ la prima volta, al match vinto oggi dalla Fiorentina sul Siena. ”Con Matteo ci siamo confrontati anche oggi – ha continuato il patron viola -. Siamo sulla buona strada per quanto riguarda il nuovo stadio. La strada e’ lunga ma intanto era importante far riaccendere l’entusiasmo nei tifosi. Con il sindaco ci rivedremo dopo le feste e valuteremo insieme”.

Felice Della Valle, contento e soddisfatto Vincenzo Montella: ”Piu’ che la reazione, volevo vedere la solita convinzione. Nonostante le sconfitte la squadra non aveva mai perso la voglia di fare la partita. Volevo vedere continuita’ e condizione – ha detto il tecnico -. Viviano non ha giocato perche’ non stava bene, ieri ha interrotto anche l’allenamento. Anche se oggi Neto ha dimostrato di poter giocare per la Fiorentina”.                                                   Infine, sul mercato viola di gennaio e le continua ammonizioni rifilate a Pizarro: ”A me l’abbondanza non dispiace, se devo scegliere preferisco avere qualcosa in piu’ che in meno. Pizarro? E’ curioso quello che gli sta capitando, riesce ad essere ammonito per qualsiasi cosa, ma non mi va di commentare”. Proprio Pizarro e’ stato uno dei marcatori contro il Siena e la dedica non poteva non essere per la sorella scomparsa alcuni giorni fa: ”Sinceramente non mi aspettavo questo calore da parte dei tifosi – ha detto il cileno – Ringrazio tutti. L’abbraccio al gol? Una sensazione enorme, ero pieno di pensieri. Perche’ non sono piu’ alla Roma? Sono stati loro a mandarmi via, non so per quale motivo”. ”Sulla questione delle ammonizioni non so piu’ cosa pensare. La prossima volta mi faccio ammonire subito almeno, ce la togliamo subito – dice ridendo -. Era la prima entrata. Quest’anno va cosi’ purtroppo”.

 Sul mercato interviene anche il ds Prade’: ”Siamo contenti di quello che abbiamo. Tanto per fare non faremo niente, oggi come oggi non vedo occasioni. Se ci saranno ci lavoreremo. Viviano? E’ un portiere fortissimo con un cuore enorme. Gli siamo tutti vicini, sono convinto che tornera’ ad essere il futuro Buffon”.

E mentre il capitano Manuel Pasqual festeggia le 250 candeline in maglia viola con un assist e un altro mezzo assist Viviano, dopo la prima partita vista dalla panchina, sul suo profilo Facebook commenta: ”Grande vittoria! Conta solo la Fiorentina! Ancora una volta la gente con me e stata fantastica! Grazie di cuore davvero”.

Altro spirito in casa Siena: al termine della gara negli spogliatoi c’e’ stato un confronto tra il tecnico Serse Cosmi, il presidente Mezzaroma e alcuni giocatori. Discussione che e’ andata fino alle 16.30. ”La situazione e’ cosi’ cosi’, per ora rimane in bilico” ha detto il ds Antonelli facendo capire che ogni decisione su Cosmi sara’ presa nelle prossime ore, visto che mercoledi’ i bianconeri saranno all’Olimpico per affrontare la Lazio nei sedicesimi di Coppa Italia. Cosmi ha poi lasciato lo stadio senza parlare. Non l’ex viola Reginaldo, autore del gol per il Siena: ”Sono contento per il mio gol, ma peccato per la squadra visto che non e’ servito a molto. Abbiamo avuto anche l’opportunita’ di segnare il 3-2, se l’avessimo fatto forse la partita sarebbe cambiata. La Fiorentina gioca molto bene al calcio, abbiamo perso contro una grande squadra”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui