Home Focus Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero arrestato per bancarotta. Il legale:”il club...

Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero arrestato per bancarotta. Il legale:”il club non c’entra”. Da giugno addio al Fulgor

admin
129
0

Il presidente della Samp coinvolto in un’inchiesta della procura di Paola. Il legale: “Il club non c’entra”. Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza per il reato di bancarotta. L’inchiesta è stata condotta dalla procura di Paola. L’arresto è avvenuto a Milano. Ai domiciliari, a quanto si apprende, sono finiti anche la figlia di Ferrero, Vanessa, e un nipote.

L’arresto del presidente Ferrero non c’entra assolutamente niente con il club della Sampdoria. E’ attinente al fallimento, avvenuto quattro anni fa, di società calabresi completamente esterne alla Sampdoria. Il pubblico ministero di Paola, in provincia di Cosenza, ha avanzato la richiesta di custodia cautelare che io non ho ancora visto, ma è relativa ai fallimenti di quattro anni fa”, dice all’AdnKronos l’avvocato Giuseppina Tenga, difensore del presidente della Samp.

“Stamattina il presidente si trovava in un albergo a Milano – spiega il legale –, ma era necessario che venisse a Roma, perché a casa sua c’è la Guardia di Finanza per la perquisizione, e solo lui è in possesso della combinazione della cassaforte da perquisire. Ritengo fosse intelligente e giusto che Ferrero assistesse alla perquisizione a casa a piazza di Spagna. Probabilmente a qualsiasi altra persona glielo avrebbero permesso, a Massimo Ferrero no”.

Fulgor, mai versato la caparra

Recentemente, scrive Il Secolo XIX, per il presidente della Sampdoria sarebbe definitivamente tramontata l’idea imprenditoriale per il rilancio dello storico multisala Fulgor a Firenze. Il cinema avrebbe dovuto diventare un tutt’uno con l’hotel a fianco (mai acquistato da Ferrero) e offrire anche servizio di ristorazione: un progetto che non si è mai realizzato.

Ferrero avrebbe dovuto depositare un milione di euro di caparra già nel dicembre 2017 (su un totale di 6 milioni e 250mila euro) ma l’acconto non è mai stato versato. Lo scorso autunno il Comune di Firenze lo aveva convocato incontrando l’assessore Del Re per un ultimatum e per conoscere il destino della struttura – ormai abbandonata a se stessa e sempre più simile a una discarica – ma sembra che il presidente della Samp stia cercando da tempo di vendere l’immobile. Nessun progetto di riqualificazione in vista, dunque.