Home Focus Ancora una rapina alle 23 nei confronti di un 17enne da parte...

Ancora una rapina alle 23 nei confronti di un 17enne da parte di 5 giovani fermati poco dopo dalla polizia. Due arrestati tre minori denunciati

admin
111
0

La Polizia di Stato ha fermato 5 giovani, di età compresa tra i 14 e i 19 anni, ritenuti responsabili di una rapina avvenuta ieri sera 10 aprile intorno alle 23.00 in via del Parione a Firenze, nei confronti di un ragazzo fiorentino di 17 anni.

Quest’ultimo ha raccontato agli agenti di essere stato raggiunto in strada da un giovane con la scusa di chiedergli una sigaretta.

In pochi attimi la vittima sarebbe stata però accerchiata da un gruppetto di almeno 5 ragazzi, in tuta da ginnastica, che avrebbero minacciato il malcapitato di picchiarlo se non avesse consegnato loro quello che aveva.

Al 17enne non è rimasto che tirar fuori il portafoglio (dal quale sono stati presi 15 euro in contanti) una coppia di cuffie Air Pods ed infine il suo Iphone.

Le volanti della Questura di Firenze si sono messe subito sulle tracce dei giovani rapinatori, rintracciando subito dopo, in via degli Speziali, un gruppo di 5 persone che corrispondevano perfettamente alle descrizioni fornite dalla vittima.

Alla vista di una delle “pantere” della Polizia i cinque hanno allungato il passo, ma sono stati raggiunti e fermati dopo pochi metri.

Durante il controllo sono immediatamente saltati fuori i 15 euro e le cuffie rubate; mentre nelle vicinanze i poliziotti hanno ritrovato in strada il cellulare che mancava all’appello, verosimilmente abbandonato a terra non appena si è avvicinata la volante.

L’intera refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario, mentre i cinque giovani, tutti fiorentini, sono stati identificati: si tratta di 3 minorenni di età compresa tra i 14 e i 16 anni, di un 18enne e di un 19enne.

I minori sono stati denunciati e riaffidati alle proprie famiglie, mentre per i due maggiorenni, già noti alle Forze di Polizia, sono scattate le manette con l’accusa di rapina aggravata in concorso. Al momento si trovano entrambi agli arresti domiciliari in attesa della convalida del provvedimento.