Home News Firenze dall’alto: al via oggi, 30 giugno, la terza edizione

Firenze dall’alto: al via oggi, 30 giugno, la terza edizione

Avatar
134
0

Firenze dall’alto giunge alla sua terza edizione e prosegue nel percorso di narrazione di altri punti di vista da luoghi incredibili della città. Concerti, talk, performance e visite guidate con il racconto stratigrafico di Firenze dal 30 giugno al 22 settembre con 10 incontri al tramonto, 10 punti di vista, 10 esperienze trasformative di produzione e fruizione culturale.

In questa edizione sono state coinvolte personalità fiorentine e non, per dare un giusto mix di visioni da insider ed outsider, mentre si osserva la città di Firenze dall’alto, ai piedi dei tetti o verso l’orizzonte.

Rendere accessibili luoghi meravigliosi e non usuali, cambiare punto di vista sulle cose, ispirarsi di visioni alte ed altre, è un altro modo di vivere la cultura, di vivere la città e di amplificare il potere trasformativo dei luoghi e della bellezza sulle persone. Si aggiungono alle classiche location, altre nuove da scoprire e le terrazze di alcuni hotel a cui si apre la rassegna in un dialogo sempre maggiore fra i vari strati della città pubblica e privata.

Firenze dall’alto rientra fra le quindici grandi rassegne e festival dell’Estate Fiorentina del Comune di Firenze ed è organizzato da LAMA Società Cooperativa – Impresa Sociale, in collaborazione con La Scena Muta e Cooperativa Archeologia, con il brand Enjoy Firenze.

Gli appuntamenti in programma

Oggi, giovedì 30 giugno sarà la terrazza del Palazzo della Borsa a fare da sfondo al racconto degli archeologi e delle guide turistiche specializzate di Cooperativa Archeologia.

La sommità del Palazzo è infatti arricchita da due meravigliose terrazze, con vista a 360 gradi su tutto il centro storico di Firenze e sulle colline circostanti: da qui il pubblico potrà godere di un inedito punto di vista sul cuore della città. Il Palazzo sorge in un’area ricca di storia, dove in epoca medievale si trovava l’antico Tiratoio della Trave, gestito dall’Arte della Lana, e dove nel 1770 il Granduca Pietro Leopoldo II istituì la prima Camera di Commercio in Italia, come superamento delle vecchie corporazioni (inizio ore 19 – posti esauriti).

Le poesie di Emidio Paolucci, interpretate da Pierpaolo Capovilla, con le musiche di Paki Zennaro e le illustrazioni di Andrea Chiesi saranno protagoniste giovedì 7 luglio alla terrazza dell’Hotel Machiavelli con “Finché galera non ci separi”: un reading, ovvero una lettura scenica, che ha l’ambizione di farsi vero e proprio teatro.

Da una parte un libro contenente la seconda raccolta poetica di Emidio Paolucci, ergastolano detenuto nel carcere di Pescara. Dall’altra un disco con 18 letture appassionate, melanconiche, sofferte e sofferenti, ironiche, colleriche, spiazzanti.  Le musiche originali di Paki Zennaro conferiscono al lavoro le sembianze di un vero e proprio album musicale.

Uno spettacolo che accompagna dentro la vita detenuta, incatenata irrimediabilmente alla quotidianità, con le sue nostalgie, i suoi rammarichi, le speranze indefinite e illusorie, la disperazione, la voglia di morire, la forza di vivere e resistere. “Finché galera non ci separi” invita a diventare complici del carcerato. Non dei suoi errori o misfatti, ma della semplice e terribile realtà della detenzione. Un’opera eminentemente “politica” di vicinanza umana, solidarietà, fratellanza (inizio ore 19 – ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria – posti esauriti).

Con Psychodonna Rachele Bastreghi ci guida alla scoperta del suo omonimo disco. Giovedì 14 luglio nel teatro della Limonaia di Villa Strozzi porta in scena il racconto di un viaggio interiore, “un rifugio buio che cerca il sole”. Il titolo esprime la personalità sfaccettata e apparentemente contrastante della cantautrice, che con queste canzoni compie una vera e propria presa di coscienza attraverso quello che lei stessa definisce “un volo intimo e faticosamente libero” nella dimensione femminile.

“Psychodonna è una donna che vive di contrasti, di mondi opposti che si attraggono, che lotta per fare pace con sé stessa ed essere libera.Questo album è il diario intimo in cui trova il coraggio di mettersi a nudo, di dare spazio alle tante sfaccettature che la abitano e trovare, in qualche modo, il suo equilibrio. È un viaggio introspettivo, faticoso e a volte spietato ma con uno slancio positivo e speranzoso. È un disco che nasce in acque profonde ma dai fondali cerca il sole” (inizio ore 19 – ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria tramite il profilo eventbrite di Firenze dall’alto – http://firenzedallalto2022.eventbrite.com – per informazioni su apertura delle prenotazioni scrivere a firenzedallalto1@gmail.com).

Firenze dall’alto torna protagonista giovedì 21 luglio al Glance Hotel. Dalla terrazza panoramica situata sulla sommità dell’edificio lo sguardo spazia dalla collina di Fiesole a Bellosguardo, fino alle colline sopra Sesto Fiorentino e Monte Morello. Situato nel cuore di Firenze nei pressi del Mercato Centrale di San Lorenzo, l’Hotel Glance restituisce alla città l’edificio progettato dal noto architetto Italo Gamberini nei primi anni ‘50.

È uno dei migliori esempi di hotel di design a Firenze: il merito va alle sapienti scelte architettoniche e stilistiche operate nel corso degli anni, partendo proprio dalle origini dell’edificio che oggi ospita l’albergo. L’Hotel infatti è collocato in uno storico palazzo costruito nel corso del 1957 su un progetto del noto architetto Italo Gamberini, autore tra gli altri del progetto del fabbricato viaggiatori della Stazione di Firenze Santa Maria Novella, della Sede regionale della RAI di Firenze, dell’Archivio di Stato di Firenze, del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato. L’edificio è uno dei migliori esempi di inserimento di un’architettura moderna in un contesto storico (inizio ore 19 – ingresso gratuito su prenotazione obbligatoria – posti esauriti, è possibile inserirsi in lista d’attesa scrivendo una email a turismo@archeologia.it o chiamando lo 055 5520407).

“Sembra ieri ma sono passati trent’anni. Per questo abbiamo pensato di raccontare questa lunga storia che ci ha visti sempre insieme”. Giovedì 28 luglio Ginevra Di Marco e Francesco Magnelli si raccontano e cantano al Giardino delle Rose. Un pianoforte e due voci, aneddoti, racconti, retroscena e canzoni per ripercorrere le tappe di una vita.La narrazione comincia dalla storia di “Epica Etica Etnica Pathos” (l’ultimo album in studio dei CCCP), passa attraverso il racconto degli anni con i CSI (Consorzio Suonatori Indipendenti), arriva a “Stazioni Lunari”, una ricerca musicale volta a riscoprire i pezzi della tradizione popolare, e agli incontri con Margherita Hack e Luis Seplúveda. Un lungo viaggio di parole e musica da condividere con il pubblico nella disposizione d’animo più generosa, aperta e confidenziale (inizio ore 19 – ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria tramite il profilo eventbrite di Firenze dall’alto – http://firenzedallalto2022.eventbrite.com – per informazioni su apertura delle prenotazioni scrivere a firenzedallalto1@gmail.com).

 

Per maggiori informazioni e scoprire il programma completo:

www.facebook.com/firenzedallalto

www.instagram.com/firenzedallalto