Home Focus In Svizzera flotte di tram elettrici su gomma. Costi contenuti, tempi corti...

In Svizzera flotte di tram elettrici su gomma. Costi contenuti, tempi corti senza stravolgere le città, ricariche ultrarapide

admin
137
0

Oltre 750.000 chilometri elettrici percorsi e 60.000 procedure di ricarica ultrarapide eseguite. È il traguardo raggiunto da Irizar e-mobility e dall’operatore VBSH Verkehrsbetriebe Schaffhausen nell’ambito del progetto che vede una flotta di 15 modelli di tram (otto da 12 m di lunghezza e sette da 18 m) dispiegata nella città svizzera di Sciaffusa.

Per quanto riguarda le infrastrutture di ricarica, sono stati installati tredici caricabatterie ultraveloci da 600 kW e sedici stazioni di ricarica nei depositi. I caricatori sono stati sviluppati e prodotti da Jema, azienda del gruppo Irizar.

Ciò che vale la pena ricordare, questo è un esempio unico di opportunità di ricarica del sistema di autobus elettrici a emissioni completamente zero sull’intera catena del valore, poiché le dodici stazioni di ricarica ultraveloci da 600 kW traggono l’energia per caricare i veicoli dalla centrale idroelettrica del fiume Reno (gestita dalla società locale SH Power).

Da quando un anno fa sono stati installati i pantografi dell’infrastruttura di ricarica rapida in Bahnhoffstrasse Street, gli autobus a emissioni zero Irizar ie tram operano quotidianamente in tutte le strade di Sciaffusa (13 unità sono state consegnate nell’estate 2021 dopo i test con due veicoli sono stati completati). Hanno già percorso più di 750.000 chilometri e più di 60.000 procedure di ricarica ultraveloci.

Come ha spiegato Iñigo Etxeberria, Export Commercial Director di Irizar e-mobility durante l’evento di chiusura del progetto, “Vorremmo ringraziare VBSH e la città di Sciaffusa per la fiducia che hanno riposto in noi. Siamo molto orgogliosi di poter portare le nostre soluzioni di elettromobilità chiavi in ​​mano in questa città. La chiave del successo di questo progetto è stata senza dubbio la stretta collaborazione tra VBSH, Irizar Group e tutti gli stakeholder coinvolti”