Home Vetrina Stefano Bottai, Confcommercio, lancia l’allarme Tares la nuova tassa sui rifiuti

Stefano Bottai, Confcommercio, lancia l’allarme Tares la nuova tassa sui rifiuti

admin
664
0

stefano_bottai”Le tasse si mettono e poi si tolgono, soprattutto quando ci si avvicina alle campagne elettorali. E cosi’ sta avvenendo anche in questi giorni, dove i partiti politici per tentare di raccogliere consensi sono tutti impegnati in un’opera di tranquillizzazione dell’elettorato. Nel senso di dire: tranquilli che a togliere le tasse poi, quando saremo al Governo, ci pensiamo noi. E cosi’ si ridiscute dell’Imu e dell’Irpef. La cosa non puo’ farci che piacere, sempre che poi le parole si trasformino in fatti ovviamente. Ma vorremmo dare un suggerimento noi questa volta ai politici: perche’ vi siete dimenticati della Tares, la nuova tassa sui rifiuti che rischia per il metodo di calcolo applicato di trasformarsi in una vera e propria mazzata per le imprese oltre che per i privati? Perche’ nessuno si e’ ancora fatto avanti per cancellarla?”. Lo scrive, in una nota, il presidente di Confcommercio Toscana, Stefano Bottai. ”Solo in estate, cioe’ quando probabilmente ci troveremo a pagare – prosegue Bottai – ci renderemo conto di come questa tassa sia di fatto insostenibile. Oltre alla rivalutazione legata all’inflazione, alle addizionali regionali e provinciali, c’e’ poi l’aggiunta di una quota fissa tra i 30 e i 40 centesimi a metro quadro a rincarare la dose. Quota che dovra’ essere decisa dai Comuni, i quali sicuramente per equilibrare i mancati trasferimenti statali applicheranno in gran parte la tariffa massima. E per le imprese sara’ il tracollo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui