Home News Firenze si illumina delle stelle mondiali della fisica

Firenze si illumina delle stelle mondiali della fisica

Avatar
132
0

Grazie al Gruppo El.En. di Calenzano – Firenze – multinazionale specializzata nella progettazione e nella produzione di laser per applicazioni medicali, industriali e per la conservazione dei beni artistici è stato organizzato un evento celebrativo, a poco più di 40 anni dalla fondazione, alla presenza del Premio Nobel della fisica 2018 Gérard Mourou e di altri professori emeriti di caratura internazionale, che hanno contribuito alla realizzazione di ricerche pionieristiche condotte nel campo della fisica dei laser aprendo la strada ad una moltitudine di applicazioni scientifiche e medicali.
L’evento è stato inoltre l’occasione per onorare due figure di riferimento del mondo della fisica: il Nobel Gérard Mourou, al quale, su segnalazione del direttore generale di El.En., Ing. Paolo Salvadeo, il Sindaco Dario Nardella ha concesso nel pomeriggio, con separata cerimonia pubblica, la prestigiosa onorificenza delle Chiavi della Città di Firenze, ed Orazio Svelto, Professore Emerito del Politecnico di Milano, padre del laser italiano. Il Professor Svelto è stato l’inventore del cosiddetto “compressore a fibra cava” che ha consentito di ottenere impulsi laser di durata degli attosecondi, con potenze di picco prima inimmaginabili. Questo sistema è attualmente utilizzato in molti laboratori in tutto il mondo che si occupano di esperimenti scientifici di frontiera e di spettroscopia non lineare.
Durante la cena di gala nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, alla presenza delle più alte cariche istituzionali della Città di Firenze e della Regione, del direttore delle Gallerie degli Uffizi, della Console USA e di altre personalità istituzionali e del mondo della medicina e del laser, il Professor Mourou ha condiviso la sua visione del futuro della scienza partendo dagli studi che gli hanno valso il Nobel per l’invenzione della cosiddetta Chirped Pulse Amplification (CPA), messa a punto in collaborazione con Donna Theo Strickland. È una tecnica che, grazie alla generazione di impulsi ultra-brevi e ad alta intensità, ha permesso di rendere il laser ancora più versatile e di esplorare dinamiche della fisica prima ignote. Notevole anche la presenza alla cena di gala del Professor Sune Svamberg, che per numerosi anni è stato nella Commissione di Assegnazione dei Premi Nobel per la Fisica, divenendone per due il Presidente, e della Professoressa Ursula Keller, una delle scienziate più apprezzate e conosciute al mondo in campo opto-elettronico e fotonico.
“È un onore e motivo di orgoglio essere riuscito a creare e mantenere un legame profondo tra il mondo accademico e quello aziendale. Questo fa capire quanto sia fondamentale la collaborazione fra queste realtà per realizzare studi e scoperte volti a migliorare anche la qualità di vita delle persone. Un’osmosi di conoscenza ed un confronto continuo e stimolante che segnano anche una continuità tra professori e allievi, molti dei quali impegnati quotidianamente nei laboratori delle aziende del nostro gruppo” ha affermato Paolo Salvadeo, Direttore Generale del Gruppo El.En.