Home Vetrina Confcommercio: “Crollo dei consumi nel mese di dicembre 2012”

Confcommercio: “Crollo dei consumi nel mese di dicembre 2012”

admin
476
0

alimentari-parodi-ebarbieri6735Sono ancora col segno meno i consumi nel mese di dicembre per il commercio nel territorio fiorentino. Secondo le stime di Confcommercio Firenze si è registrata infatti una diminuzione media nel complesso di quasi il 15% rispetto allo stesso mese del 2011.

Nello specifico per quanto riguarda il settore dei locali da ballo (Silb) gli incassi sono diminuiti del 10%. “Un dato – sottolinea Silb Confcommercio Firenze – che preoccupa ancora di più se consideriamo la chiusura negli ultimi anni di discoteche importanti dell’area. Rispetto al passato inoltre i locali da ballo non sono aperti tutte le sere ma solo nel week end: una scelta necessaria per abbattere i costi”.

Non va meglio nel settore dei pubblici esercizi dove a dicembre, secondo Fipe, si è registrato un calo di oltre il 10% per i bar e del 15% per i ristoranti. Dato negativo anche per quanto riguarda l’abbigliamento dove  si è registrato un calo intorno al 15%. Nell’hinterland fiorentino lo stesso settore ha registrato complessivamente un crollo di quasi il 20% rispetto allo stesso mese 2011 e nessun aumento rispetto al mese precedente. Il dato rispecchia il trend dell’ultimo trimestre 2012 confrontato con il corrispettivo 2011.

“Rilanciare i consumi dovrebbe essere la priorità del nuovo governo, perché senza consumi non riparte l’economia – commenta la presidente di Confcommercio Firenze Alessandra Signori – Per questo è assolutamente necessario riformare una volta per tutte e in maniera seria il mercato del lavoro, abbassando il cuneo fiscale e dando alle aziende incentivi e regole snelle per investire nel personale e ritornare ad assumere. È indispensabile inoltre scongiurare l’aumento dell’Iva”.

A dicembre l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha registrato a livello nazionale una diminuzione del 2,7% in termini tendenziali. Per l’ultimo trimestre del 2012 i dati congiunturali mostrano una lieve attenuazione della dinamica fortemente recessiva che ha caraterizzato i consumi degli ultimi dodici mesi. In ogni caso restano presenti, secondo l’Ufficio Studi Confcommercio, “elementi di spiccata criticità che non permettono di stabilire se nei mesi finali del 2012 si sia toccata la fase più negativa del ciclo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui