Home Ultim'ora Lease 2022 chiude i battenti, il settore chiede ruolo attore in realizzazione...

Lease 2022 chiude i battenti, il settore chiede ruolo attore in realizzazione progetti Pnrr

Adnkronos
106
0

(Adnkronos) –
Si è conclusa a Milano Lease 2022. La quinta edizione di Salone del Leasing organizzato da Newton e Assilea è stata caratterizzata da un alto profilo di contenuti e panelist. L’appuntamento finale è stato dedicato al “Sostegno alle imprese: garanzie e pnrr”, con Stefano Firpo – ex Capo di Gabinetto del Ministro della trasformazione digitale e prossimo Direttore generale Assonime, Pierpaolo Brunozzi – Responsabile Business Unit Strumenti di garanzia e Agevolazioni Mediocredito Centrale, Giammarco Boccia – Responsabile Corporate Finance Sace, Sandro Marcucci – Cfo Alba Leasing. 

“Quando il capitale diventa una risorsa scarsa, tutte le forme di garanzia sono essenziali alla crescita” – ha ricordato Marcucci – “siamo andati a ragionare anche con Bei e con Fei, ma la collaborazione sempre più stringente con Mediocredito Centrale e Sace è fondamentale per il mondo del leasing e la crescita delle imprese”. Da Assilea è venuta quindi forte la richiesta di confermare la capacità economica e le percentuali di garanzia adottate nel periodo pandemico anche nel 2023. 

Il Fondo è riuscito a favorire l’accesso al credito alle Pmi sostenendo l’operatività sul leasing, assistendo milioni di aziende da marzo 2020. Circa la garanzia Sace, che è anche aperta alle società di leasing, gli operatori del settore hanno avanzato proposte per meglio attagliarla anche alle Pmi. Nel Pnrr non sono stati previsti strumento di sostegno alle imprese, “ma se si capirà l’importanza degli investimenti nel digitale, credo che il Pnrr potrà essere uno strumento rigenerante per tutto il manifatturiero italiano”, ha chiosato Firpo. Il Presidente di Assilea, Carlo Mescieri, ha ribadito la necessità che tutti i progetti del Piano includano il leasing fra gli strumenti di finanziamento. 

In apertura della seconda giornata il dibattito è stato aperto dalla trasformazione digitale, la creazione di una nuova relazione tra utilizzatore, bene e società di leasing, per sviluppare nuovi business ed efficientare i processi esistenti. Stefano Rebattoni, amministratore delegato Ibm Italia, ha sottolineato come “per realizzare un percorso di crescita economica e sociale sostenibile non possiamo fare a meno dell’innovazione tecnologica digitale, che afferisce anche alle competenze e ai processi”. 

“Uno dei grandi trend del momento è ridurre il numero di dati, individuando quelli necessari e non ridondanti, ad esempio nel processo creditizio individuando gli elementi utili a valutare il rischio default”, ha spiegato il prof. Stefano Olgiati – Founder e Board member Leasetech. “Nel caso dell’applicazione del leasing sono già pronte soluzioni verticali, in talia però esiste un digital gap, aggravato da una particolarità anche geografica del Paese”, per Tullio Pirovano, Amministratore Delegato Lutech. “Il Pnrr destina circa il 27% delle risorse per coprilo ed è una sfida importante per tutto il sistema produttivo”. 

Il framework regolamentare, legale e di bilancio in tema di Esg è stato invece al centro della tavola rotonda “Crescita sostenibile per lo sviluppo delle imprese e dei territori”, con Emanuele Simoncelli – Kpmg Advisory Associate Partner- Francesco Paolo Bello – Head of Public & Administrative Law Equity Partner Deloitte Legal – Michele Casò – Presidente ACBGroup Studio Associato – e Stefano Schiavi – Vice Presidente Assilea.  

Dal dibattito è emerso chiaramente che il tema non riguarda solo i grandi gruppi, ma anche le Pmi fornitrici, che vi saranno sempre più coinvolte, e indirizzerà sempre più l’accesso al credito. “Il bilancio di sostenibilità deve essere un’opportunità, ci vuole quindi attenzione a che non diventi una minaccia per le nostre Pmi”, secondo Casò. “La coniugazione del leasing con i progetti di investimento può essere la chiave di sviluppo dei territori, sia in chiave di sostenibilità, sia di messa a terra del Pnrr”, gli ha fatto eco Bello. 

Fra le varie iniziative messe in campo da Assilea, Schiavi ha ricordato il progetto Green Lease per dotare gli immobili produttivi in leasing di pannelli fotovoltaici, al fine di abbattere le emissioni e i costi energetici di produzione.