Home Ultim'ora Manovra 2023, incontro Meloni-sindacati. Cgil: “Avanti mobilitazione”

Manovra 2023, incontro Meloni-sindacati. Cgil: “Avanti mobilitazione”

Adnkronos
132
0

(Adnkronos) – E’ durato quasi due ore e mezza l’incontro a Palazzo Chigi tra la premier Giorgia Meloni e i leader di Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Al centro del tavolo con i sindacati la manovra di bilancio 2023. 

Nella manovra non c’è “nessun segnale di lassismo” sull’evasione fiscale, ha rivendicato il presidente del Consiglio, secondo quanto riferiscono fonti di governo. Le misure legate al Pos e al tetto al contante non c’entrano nulla con l’evasione fiscale, ha precisato Meloni. 

Sul taglio del costo del lavoro “sono assolutamente d’accordo, è una nostra priorità: sarei felicissima di poter fare di più, il problema sono le coperture” ha detto a quanto si apprende la premier Meloni. Sul taglio del cuneo fiscale “abbiamo voluto dare un segnale ma vogliamo fare di più, queste sono state scelte di emergenza ma siamo d’accordo che il tema del taglio del costo del lavoro sia una priorità”. Quanto alla flat tax “non introduce alcun discrimine, non penalizza i lavoratori dipendenti”. 

Poi la questione dei voucher. Quello dei “voucher è un tema delicato, ha bisogno di ulteriori riflessioni, non deve diventare uno strumento per sottopagare i lavoratori” ha detto Meloni a quanto si apprende.  

Riguardo all’indicizzazione delle pensioni “ci riserviamo una ulteriore valutazione sulle soglie. Difendiamo le scelte fatte, perché abbiamo deciso di aiutare chi non ce la faceva” e, visti i margini di spesa ridotti, “abbiamo dovuto operare delle scelte”. E “su opzione donna stiamo valutando proposte di modifica…”.  

“Le risposte arrivate dal premier Meloni hanno confermato le profonde distanze sul fisco e precarietà e anche sulla tutela del potere di acquisto – ha detto il leader Cgil Maurizio Landini al termine del vertice a Palazzo Chigi – Avevamo chiesto un taglio cuneo del 5 per cento e l’introduzione del fiscal drag ma non sono arrivate risposte se non un generico ‘valuteremo le risorse'”. Risposte queste dunque, ha aggiunto, che rendono evidente la necessità di “proseguire la mobilitazione”. Pollice verso della Cgil anche sui tavoli di confronto che partiranno a gennaio.