Home Magazine Fondiaria-Sai, rischio di trasferimento a Bologna di gran parte dei dipendenti

Fondiaria-Sai, rischio di trasferimento a Bologna di gran parte dei dipendenti

admin
317
0

Piazza_della_LibertàTrecento lavoratori del gruppo Fondiaria-Sai stamani hanno protestato, davanti alla sede di Firenze in Piazza della Liberta’, contro l’ipotesi di piano industriale che prevede un depotenziamento del capoluogo toscano a vantaggio della sede di Bologna, dopo la fusione con Unipol. I lavoratori, che hanno aderito allo sciopero e al presidio di due ore indetti dai sindacati, hanno fatto il giro della piazza causando limitati disagi al traffico. La sede fiorentina del gruppo occupa 535 lavoratori: ”Circa la meta’ di loro – ha spiegato Agostino Iscaro (Fiba-Cisl) – corrono il rischio di essere trasferiti a Bologna, con tutto quello che ne consegue, perche’ almeno nel 30-40% dei casi vuol dire sostanzialmente fare dei licenziamenti col trucco del trasferimento”. I lavoratori fiorentini che potrebbero accedere agli incentivi per l’esodo, secondo le stime dei sindacati, sono una cinquantina.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui