Home Ultim'ora Stupri, aborti e torture: le carceri di Kim in Corea del Nord

Stupri, aborti e torture: le carceri di Kim in Corea del Nord

Adnkronos
109
0

(Adnkronos) – Esecuzioni extragiudiziali, stupri, aborti forzati, galera senza processo, torture, razioni da fame che costringono i prigionieri a cercare insetti da mangiare. Sono solo alcuni degli abusi all’ordine del giorno nelle carceri della Corea del Nord governata da Kim Jong-un e in altre strutture di detenzione, secondo ex detenuti la cui testimonianza è alla base di un nuovo rapporto pubblicato questa settimana da un osservatorio per i diritti umani, l’ong senza scopo di lucro Korea Future.  

Utilizzando interviste a centinaia di sopravvissuti, testimoni e autori di abusi che sono fuggiti dal paese, insieme a documenti ufficiali, immagini satellitari, analisi architettoniche e modelli digitali di strutture penitenziarie, la ong ha costruito un quadro dettagliato della vita all’interno del sistema penale della Corea di Nord. 

“Lo scopo del nostro rapporto è fondamentalmente quello di rivelare le violazioni dei diritti umani che hanno avuto luogo all’interno dei sistemi penali della Corea del Nord. Emerge che, anche 10 anni dopo che le Nazioni Unite hanno istituito una Commissione d’inchiesta, vi sono ancora sistematiche e diffuse violazioni dei diritti umani”, ha affermato Kim Jiwon, un membro di Korea Future, che ha uffici a Londra, Seoul e all’Aia. Il gruppo ha documentato quelli che ritiene essere più di 1.000 casi di tortura e trattamento crudele, inumano o degradante, centinaia di casi di stupro e altre forme di violenza sessuale e più di 100 casi di negazione del diritto alla vita.