Home PRIMO PIANO Affluenza record alla Mostra dell’Artigianato 2023 con 70.000 visitatori. Il presidente Becattini:...

Affluenza record alla Mostra dell’Artigianato 2023 con 70.000 visitatori. Il presidente Becattini: “Intrapresa la strada giusta”

admin
164
0

Alla Fortezza da Basso MIDA 2023, la 87sima Mostra Internazionale dell’Artigianato ha chiuso il 1 Maggio con un bilancio più che positivo quanto a soddisfazione degli espositori ed affluenza di pubblico, con tanti visitatori in più che hanno affollato i padiglioni e le sale storiche della Fortezza.

“Il successo della mostra con circa 70.000 visitatori (in soli sette giorni di svolgimento dell’evento rispetto ai tradizionali nove giorni) ci spinge a proseguire sulla strada intrapresa per una fiera che metta al centro l’eccellenza del mondo artigiano in un contesto unico ed esclusivo come la Fortezza da Basso – ha dichiarato Lorenzo Becattini presidente di Firenze Fiera – Le sinergie instaurate non solo con  istituzioni e associazioni di categoria ma anche con importanti realtà museali come il Museo Bardini, il prestigio delle mostre collaterali e il valore culturale dei workshop e convegni su tematiche di stretta attualità quali il metaverso e il restauro sostenibile, ci hanno permesso di raggiungere gli obiettivi prefissati di crescita in termini di qualità e di numeri oltreché di affermazione di MIDA in importanti mercati internazionali quali Stati Uniti, Gran Bretagna, Lussemburgo, Qatar, Emirati Arabi,Corea, ecc.”. “Desidero ringraziare ancora una volta tutti gli espositori – conclude Becattini – che insieme ai nostri partner istituzionali sono stati al nostro fianco investendo sulla fiera e contribuendo al successo di questa bella edizione”.

“Nel 2018 chiedemmo a Firenze Fiera uno sforzo per riqualificare la Mostra – ha aggiunto Giacomo Cioni, presidente CNA Firenze Metropolitana – che si è tradotto, nel corso degli ultimi anni, in un’accurata opera di selezione dei partecipanti e, per l’ente, in un sacrificio economico da sostenere come investimento. Adesso raccogliamo i risultati di quello sforzo e Mida si presenta oggi a pieno regime, come confermano numeri e qualità degli espositori. Crediamo si possa fare un ulteriore passo in avanti, sviluppando il carattere internazionale della mostra: Mida potrebbe infatti accogliere al suo interno un momento di riflessione economica, culturale e scientifica, una sorta di Stati generali dell’artigianato a livello europeo. Ringrazio tutti gli artigiani che stanno partecipando a quest’edizione e le istituzioni che a vario titolo, in questi anni difficili, sono state vicine a Firenze Fiera. Proteggendo l’artigianato, proteggendo i piccoli imprenditori, proteggiamo anche quel sapere che deve essere trasmesso alle generazioni future e quel modello di imprenditoria che ancora oggi rappresenta oltre il 95% della nostra produzione”.