Home Magazine Firenze Parcheggi, al centro delle polemiche in consiglio comunale. Chiesta una commissione...

Firenze Parcheggi, al centro delle polemiche in consiglio comunale. Chiesta una commissione sulla finanza di progetto

331
0

parterreNon fanno sconti nel  PdL per quanto riguarda la situazione dei parcheggi fiorentini alla luce dei tanti soldi investiti.  Ecco l’intervento:

“Abbiamo sempre sostenuto che quello del project financing sia l’unico strumento, in un momento di crisi per i bilanci degli enti pubblici, che consente di realizzare opere indispensabili per la collettività, grazie al sostegno dei privati. Bisogna però che questo strumento sia studiato bene e realizzato meglio, altrimenti, come successo a Firenze, si pagano pesanti conseguenze.
A Firenze, il valore complessivo del project è stato di 54,8 milioni; a fronte di questa cifra, quali sono stati i benefici per i fiorentini? Ad oggi sappiamo soltanto che il parcheggio della Fortezza doveva avere 878 posti auto e invece ne ha soltanto 556, e il costo della sua costruzione è passato da 15 milioni a 20 milioni di euro, quindi 5 milioni in più del previsto. Il parcheggio Beccaria doveva avere 370 posti auto e invece ne sono stati realizzati solo 200. Inoltre non sono stati costruiti i parcheggi di Carmine e Vittorio Veneto – che dovevano avere 821 posti auto – e per i quali il Comune ha comunque dovuto sborsare oltre 4 milioni di euro. Se oltre a questo aggiungiamo che il costo del sottopasso alla Fortezza è passato da 8 a 11 milioni di euro, ci rendiamo conto di come, rispetto ai costi preventivati, l’amministrazione comunale abbia versato oltre 12 milioni di euro in più ed abbia perso complessivamente 1577 posti auto.
Davanti all’evidenza di questi numeri, chiediamo che venga istituita una commissione speciale sulla finanza di progetto che analizzi i contratti tra Comune e Firenze Mobilità, e che verifichi la rispondenza tra i progetti e le opere costruite; non vi possono essere dubbi sulla correttezza delle procedure amministrative e non vi deve essere nessun equivoco sul fatto che il Comune abbia esercitato fino in fondo il suo ruolo di controllore.
Siamo molto preoccupati per il futuro di Firenze Parcheggi e soprattutto per il futuro dei dipendenti. Auspichiamo che il blocco dei conti correnti non provochi il blocco degli stipendi: sarebbe grave ed irresponsabile in un momento così difficile per le famiglie come questo.
Ci rimane un’ultima curiosità. Se il 26 ottobre 2009, in un comunicato stampa, il sindaco dava per già fatto l’accordo per l’acquisizione da parte di Firenze Parcheggi delle quote di Project Costruzioni in Firenze Mobilità, perché oggi siamo arrivati a questo punto?”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here