Home Magazine Sindaco e assessori di Scandicci si riducono lo stipendio da soli

Sindaco e assessori di Scandicci si riducono lo stipendio da soli

admin
388
0

Primo cittadino, Vicesindaco e Assessori hanno scritto all’ufficio Personale per chiedere la riduzione delle proprie indennità già dal mese di marzo, adeguandole al calo della popolazione sotto ai 50 mila residenti, anche se ancora non è pervenuto il dato ufficiale al 31 dicembre scorso.                             gheri sindacoIl dato sulla popolazione a 49765 abitanti, infatti, risulta dall’ultimo Censimento, ma ancora l’Anagrafe non ha fornito l’ultimo conteggio ufficiale necessario a stabilire formalmente le nuove indennità: tra le soglie per calcolare i compensi degli Amministratori la legge fissa infatti quella dei 50 mila abitanti. Con il nuovo calcolo delle indennità di Sindaco e Assessori le riduzioni saranno consistenti: il primo cittadino passa ad un compenso mensile di 2260 euro per 12 mensilità, mentre fino a febbraio percepiva 2578 euro; il Vicesindaco passa a 1207 euro, da un compenso precedente di 1.992 euro; gli assessori a tempo pieno mediamente scendono a 1081 euro, mentre finora avevano un’indennità media di 1706 euro, mentre per l’assessore part time (attualmente solo Gabriele Coveri), l’indennità scende a 627 euro (da 1006 euro precedenti).

“Ci siamo autoridotti i compensi, anche se ancora manca il dato ufficiale sulla popolazione e anche se una sentenza della Corte dei Conti della Lombardia del 2008 stabiliva che le indennità degli amministratori devono essere adeguate solo al cambio di legislatura – dice il Sindaco Simone Gheri – riteniamo però giusto fare la nostra parte e dare l’esempio, soprattutto in un momento di difficoltà economiche come questo, ben consapevoli che la riduzione delle indennità potrebbe far optare gli Assessori dal tempo pieno al part time con una ricaduta sull’operatività della Giunta. E’ da notare che già nel 2005 ci eravamo decurtati i compensi del 10 percento: fino alla decisione di ridurre i costi del Parlamento annunciata questa settimana dai neoeletti Presidenti di Camera e Senato, la sensazione era che solo gli Amministratori locali contribuissero alla riduzione dei costi della politica, con tagli dove c’è davvero poco da tagliare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui