Home CRONACA “Villa La Massa Excellence” debutto con ampia soddisfazione. Si pensa già alla...

“Villa La Massa Excellence” debutto con ampia soddisfazione. Si pensa già alla seconda edizione nel 2024

admin
275
0

Villa d’Este chiama con il suo concorso d’eleganza, Villa La Massa risponde da Firenze con il suo “Excellence”.  Dedicata alle supercar dal 1980 al 2.000. Ed è stato successo con l’intento di farla diventare un appuntamento annuale grazie alla soddisfazione dei proprietari delle vetture presenti a questa prima edizione.

E’ nato così a Firenze un nuovo evento dedicato alle supercar. E non poteva che nascere un evento per dare lustro ad ancora di più a Firenze a Villa La Massa Excellence. Evento che prosegue sulla scia del concorso di eleganza di Villa d’Este, ma porta in mostra le supercar, alcune edizioni limitatissime, dagli anni Novanta ad oggi. Da oggi a domani saranno in mostra a Villa La Massa venti modelli, tra cui  una McLaren F1 Le Mans del 1995 (il prototipo di una piccola serie che ha anche vinto la 24 ore di Le Mans), una Pagani Zonda del 2010, una Bugatti Veyron del 2007, solo per citare alcuni pezzi quasi unici. Negli spazi dell’hotel, che è parte del gruppo Villa d’Este Hotels, si sono ritrovati per tre giorni  i collezionisti di supercar da tutto il mondo, che nel pomeriggio di sabato 14 hanno messo in mostra il valore delle super car in alcuni casi esclusivi come la Pagani. Che messa in moto ha fermato la preparazione della sfilata per richiamare i presenti attorno alla vetura. Tra loro anche modelli come Jaguar XK 150 rivista da Beachman, modello unico in Europa della collezione che fa parte di un appassionato fiorentino,  la Lamborghini Murcielago e la Ferrari F40 e la Dallara Stradale, oltre alla nota Touring Superleggera. Al termine della giornata saranno assegnati i premi “Supercars Firenze”, con due classifiche e tre premiati per ciascuna: una dedicata agli esemplari di Youngtimer che hanno spinto l’evoluzione dell’automobile e una a quelli che hanno rappresentato l’innovazione. Per l’occasione è stata creata una giuria internazionale tra cui ci sono anche Tomaso Trussardi e il fotografo Stefano Guindani.

L’idea infatti è quella di rendere il concorso annuale e portare a Firenze le supercar più esclusive di questo periodo storico ripetendo il successo della sorella maggiori di Villa d’Este con il suo concorso d’eleganza.

Piero Campani