Home MAGAZINE Il Pit sulla Piana passa con i voti dell’opposizione

Il Pit sulla Piana passa con i voti dell’opposizione

167
0

peretolaMaggioranza divisa oggi in Consiglio regionale della Toscana dove la commissione controllo ha espresso voto favorevole alla variante al Pit, che permette tra l’altro l’ampliamento dell’aeroporto di Firenze con la nuova pista, la cosiddetta parallela convergente, e il parco della Piana. Mauro Romanelli, consigliere del Gruppo misto ed esponente Sel, ha infatti votato contro il provvedimento mentre i consiglieri di Piu’ Toscana e Marina Staccioli del Gruppo misto si sono astenuti. Favorevole invece il resto della maggioranza con Pd, Idv e Cd, insieme a Pdl, Fdi, e Udc. A illustrare il provvedimento alla commissione controllo, presieduta da Paolo Marcheschi (Fdi), e’ stata la dirigente responsabile del settore Patrimonio e logistica della Giunta regionale Angela Di Ciommo. Presente ai lavori anche l’assessore toscano all’urbanistica Anna Marson. Illustrata anche la tempistica del Pit, che ora dovra’ passare all’esame delle commissioni ambiente e trasporti e del Consiglio toscano per l’adozione dell’atto. Successivamente ci saranno 60 giorni per presentare le osservazioni alla variante al Pit, e in contemporanea sara’ svolta la Vas, mentre la Giunta avra’ altri 60 giorni di tempo per avanzare le proprie controdeduzioni. Il provvedimento tornera’ poi in Consiglio regionale per l’approvazione finale. A esprimere dubbi e’ stato lo stesso consigliere Mauro Romanelli che si e’ detto non convinto, specie per alcuni aspetti come ”quello relativo alle casse di espansione per il polo universitario di Sesto Fiorentino” o ”della Vis prevista solo come prescrizione per il progetto di nuova pista che Adf presentera”’. Secondo il consigliere regionale Udc Marco Carraresi, ”solo grazie al voto favorevole di parte dell’opposizione il provvedimento e’ stato varato dalla commissione. Abbiamo sopperito alle chiusure e alla contraddizioni interne alla maggioranza su un atto fondamentale per l’economia e lo sviluppo di tutta la regione”. Per Gian Luca Lazzeri di Piu’ Toscana ”la prescrizione della Valutazione d’impatto sanitario (Vis) e’ stata messa soltanto come prescrizione a Adf. Rimane, quindi, irrisolto il problema dei danni alla salute che, nonostante le mitigazioni previste, arrecheranno le due piu’ importante opere di interesse pubblico della provincia di Firenze, ossia il termovalorizzatore e la nuova pista”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here