Home STARBENE / GUSTO Quando l’eccellenza è una questione di ‘palato’

Quando l’eccellenza è una questione di ‘palato’

172
0

di Gianni Mercatali

Nel mondo della gastronomia si è visto di tutto e di più. Nell’editoria con riviste, magazines e  libri, nel cinema con film come Ratatouille, Chocolat, Il pranzo di Babette, La grande abbuffata, alla televisione con trasmissioni tematiche e talent show.

Ma c’è qualcosa di nuovo oggi in questo cerchio ‘gustoso’ grazie a Nadia e Luciano Bertani, imprenditori nel campo dell’ospitalità, che hanno voluto creare un network della cultura gastronomica made in Italy con la missione di diffondere nel mondo prodotti, sapori, segreti e regole della tradizione culinaria italiana. È nato così a Bolzano Il Palato Italiano magico luogo delle eccellenze, del gusto e delle esperienze italiche.

Il Palato Italiano è un club esclusivo per appassionati  dell’enogastronomia, della cultura e dello stile di vita del Bel Paese per parlare ad un pubblico internazionale raccontando l’italianità attraverso delle vere e proprie esperienze da vivere in prima persona.

La sede, dal design ricco di personalità, è elegante e razionale oltre che tecnologicamente avanzata. Tecnologia in collaborazione con Cisco e IBM  che ne fa la vera differenza. Qui si offre la possibilità di fare degustazioni, conoscere territori e prodotti enogastronomici provenienti da tutta Italia e sentirsi dei veri chef partecipando a lezioni di cucina. Lezioni arricchite, attraverso un sistema di ‘telepresence’ con la storia dei prodotti che stanno per essere cucinati o  degustati.

FILIPPO_SINISGALLI Executive Chef è Filippo Sinisgalli (nella foto), formatosi alla scuola di ALMA ma con importanti esperienze anche internazionali dove si è sempre impegnato nella promozione della cucina italiana. Ma il futuro de Il Palato Italiano è all’estero. Non soltanto con una business unit a Miami, con magazzini e relative licenze per gli Stati Uniti, ma anche e soprattutto per il successo della loro attività di e-commerce che offre una dettagliata selezione di rare eccellenze dell’enogastronomia italiana.

Nel prezioso catalogo al momento due sono le referenze toscane: Querce Bettina a Montalcino, un vino che coniuga con maestria territorio e personalità e Pastificio Artigianale Fabbri di Castellina in Chianti (nella foto),  dove vengono lavorati soltanto i migliori semolati e le migliori semole trafilati dal 1893 con stampi in bronzo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here