Home Magazine Referendum costituzionale, Dario Nardella dà il via alla campagna per il si

Referendum costituzionale, Dario Nardella dà il via alla campagna per il si

317
0

di Elisabetta Failla

“Chi è per il si vuole che l’Italia cresca, cambi, conquistando quella reputazione che le spetta e dimostrando che certe sfide si possono vincere. I promotori del no semplicemente vogliono che non cambi nulla senza dire che sprofonderemmo per anni in un tunnel buio senza uscita perdendo tutta la credibilità internazionale”.  Con queste parole il sindaco di Firenze Dario Nardella ha esordito questa mattina nella presentazione dei comitati cittadini che sosterranno il si al referendum costituzionale dando ufficialmente il via alla campagna referendaria.

G_LAVIA_D_NARDELLA Un vero parterre de roi composto da esponenti provenienti dal mondo della cultura, dell’università, della ricerca, dell’imprenditoria ma anche da tanti giovani. Fra questi, Leonardo Morlino, Cosimo Ceccuti, Marcello Cecchetti, Pierfrancesco Lotito, Gabriele Lavia (nella foto con il sindaco), Alba Donati, Marco Messeri, Adolfo Natalini, Stefano Boeri, Franco Cardini. Tra gli imprenditori Laudomia Pucci, stilista della Maison Emilio Pucci, Gabriele Poli, Tiziana Frescobaldi, Umberto Montano e Marco Bassilichi, presidente del Gruppo Bassilichi S.p.a.

“Oggi non è solamente il giorno in cui inizia la raccolta di firme perché si possa votare il referendum sulla modifica della Costituzione – ha proseguito Nardella – ma è anche il giorno in cui a Firenze presentiamo alcuni promotori di comitati provenienti dalla società civile. Sono tutte persone che vivono quotidianamente la vita della città e che sanno bene che la riforma della Costituzione non è qualcosa di diverso dalla nostra vita quotidiana ma incide direttamente sull’attività, il lavoro, la vita di tutti noi.“ Ma i comitati non si limiteranno alla raccolta firme. Dopo le elezioni amministrative sono in programma incontri pubblici e confronti con i sostenitori del no. “Sono convinto – ha concluso – che Firenze farà la sua parte dando il maggior supporto possibile per far vincere il fronte del si”.

A margine della presentazione Dario Nardella ha espresso la sua opinione sul programma di scioperi della Polizia Municipale che inizieranno il prossimo 5 giugno. “Far sì che ci siano più agenti in strada e meno negli uffici significa soltanto rispettare la richiesta dei cittadini – ha spiegato – Vedremo come andranno le trattative ma dovremo fare il possibile affinché questo corpo venga equiparato alle altre forze di polizia ”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here