Home Focus Pace fatta fra Cairo e Della Valle ."Siamo ripartiti da dove ci...

Pace fatta fra Cairo e Della Valle ."Siamo ripartiti da dove ci eravamo lasciati"

247
0

All’assemblea degli azionisti Rcs MediaGroup il presidente e A.d Urbano Cairo ha parlato di un “ottimo” rapporto con Diego Della Valle, come con gli altri soci storici del gruppo editoriale, Marco Tronchetti Provera, Alberto Nagel, Carlo Cimbri, cui si era aggiunto per una fase anche Andrea C. Bonomi. I soci storici e Bonomi erano stati impegnati l’estate scorsa nella contro Opa sul gruppo di via Rizzoli, in contrapposizione alla Opas (poi vincitrice) dell’editore de La7.
    Per la prima volta dall’ottobre 2012 all’assemblea è intervenuto anche Diego Della Valle, di nuovo consigliere dal settembre 2016. Con lui “il rapporto personale era ottimo, siamo ripartiti da dove ci eravamo lasciati – ha spiegato Cairo -. C’è stato un momento di nubi all’orizzonte, poi anzi a volte quando i rapporti riprendono possono ripartire anche meglio di prima”. Entrare in politica? “Gli impegni che ho£ come editore “mi impediscono assolutamente di pensare a un coinvolgimento politico”. ha ribadito Cairo

“Con Diego Della Valle siamo ripartiti da dove ci eravamo lasciati” e oggi i rapporti “sono quasi meglio di prima”. Cosi’ Urbano Cairo, presidente e a.d. del gruppo Rcs, motiva il rapporto tornato collaborativo con il patron della Tod’s, azionista con il 7,3% del gruppo editoriale, dopo la battaglia della scorsa estate per la conquista della Rizzoli, seguita da una sequenza di ricorsi da parte di Diego Della Valle e soci (Mediobanca, Pirelli, UnipolSai e Investindustrial) contro il successo ottenuto alla fine dall’editore di La7 e attuale azionista di controllo con il 59,8% del capitale. A margine dell’assemblea degli azionisti di Rcs, che ha visto la presenza anche dell’imprenditore marchigiano (non partecipava dall’ottobre 2012), Cairo ha spiegato: “L’anno scorso, quando era terminata l’Opas, evidentemente qualcuno pensava che ci fosse qualcosa da approfondire. E’ stato fatto. Il rapporto ora con Della Valle e’ ottimo, anche con Nagel, Tronchetti, Cimbri e Bonomi. Hanno riconosciuto quello che e’ accaduto. Quello che conta – ha aggiunto Cairo – e’ che loro che sono in societa’ da piu’ tempo di me abbiano a cuore l’andamento della societa’ e l’ultima riga positiva nel bilancio 2016 penso che abbia fatto piacere anche a loro, oltre che a me”. Il presidente di Rcs ha poi ricordato che il 9 maggio il gruppo rendera’ noti i dati dei primi tre mesi 2017 tenendo presente “l’obiettivo importante dell’ebitda di 140 milioni di euro, che vuol dire il 40% in piu’ rispetto al 2016 e che vorra’ dire avere un utile netto di 45 milioni. Penso che i soci siano contenti – ha aggiunto – sia del miglioramento dell’azienda che dell’attenzione allo sviluppo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here