Home FIORENTINA Simeone illude, poi arriva il solito buio pesto. Il Chievo non vinceva...

Simeone illude, poi arriva il solito buio pesto. Il Chievo non vinceva in casa da marzo

216
0

IL TABELLINO

CHIEVO-FIORENTINA 2-1
Chievo (4-3-1-2): Sorrentino 6,5; Tomovic 6 (18′ st Depaoli) 6, Gamberini 5 (26′ st Cesar 6), Dainelli 6, Cacciatore 6; Castro 8, Radovanovic 6, Hetemaj 6,5; Birsa 6,5 (28′ st Bastien 6); Inglese 5,5, Pucciarelli 5,5. A disp.: Seculin, Confente, Bani, Rigoni, Gaudino, Garritano, Leris, Stepinski, Pellissier. All.: Maran 6
Fiorentina (4-2-3-1): Sportiello 6; Gaspar 5, Pezzella 6, Astori 5,5, Biraghi 4,5; Badelj 6, Veretout 6; Benassi 5,5 (32′ st Babacar sv), Thereau 6 (11′ st Saponara 5,5), Chiesa 5,5 (7′ st Gil Dias 6,5); Simeone 7. A disp.: Dragowski, Laurini, Milenkovic, Olivera, Vitor Hugo, Sanchez, Eysseric, Cristoforo, Lo Faso. All.: Pioli 5,5
Arbitro: Giacomelli
Marcatori: 6′ Simeone (F). 25′ e 1′ st Castro (C)
Ammoniti: Tomovic (C), Radovanovic (C), Veretout (F)

Nella 7a giornata di Serie A, il Chievo batte 2-1 in rimonta la Fiorentina e conquista il primo successo casalingo in campionato. Al Bentegodi, toscani subito avanti dopo 6′ con colpo di testa di Simeone. Pareggio veneto al 25′ con Castro, bravo a battere Sportiello da pochi passi. Argentino migliore in campo e autore del gol che decide il match al 46′, con un colpo di testa di rara bellezza. Crisi Fiorentina: 1 punto in 3 partite.

Il Chievo è alla ricerca ancora della prima vittoria casalinga (l’ultima risale a marzo), al Bentegodi la Fiorentina ha ottenuto gli unici tre punti esterni di questa stagione. Una goleada contro il Verona aperta da Simeone, a cui questo stadio porta bene. Perché dopo il primo gol in viola, il Cholito realizza nel capoluogo veneto anche il secondo. E’ il 6′, quando Thereau pennella a centro area un pallone che il figlio d’arte spizza di testa in anticipo su Gamberini e batte Sorrentino. I veneti, però, non si scompongono e piano piano prendono il possesso del centrocampo, arrivando per primi sulle seconde palle. Corsa e pressing sono il marchio di fabbrica della squadra di Maran che già all’8′ ha l’occasione per riequilibrare la gara: errore di Astori in costruzione, Birsa serve Inglese che calcia sull’esterno della rete. Lo sloveno qualche minuto dopo incappa nello stesso errore del difensore della Fiorentina, ma Gamberini è bravo a smorzare il tiro a botta sicura di Simeone. La pressione dei gialloblù porta i suoi frutti al 25′: cross di Birsa da sinistra, Biraghi cicca il rinvio e Castro da pochi passi fa secco Sportiello. Pareggio meritato ed equilibrio che rischia di essere spezzato ancora una volta da Simeone: l’argentino anticipa tutti sulla punizione di Veretout, ma questa volta Sorrentino è super e si rifugia in angolo.

Al rientro in campo il Chievo ribalta il match ancora con Castro: il colpo di testa del centrocampista argentino è un’autentica perla, tanto che persino Maran non riesce a trattenere la gioia e l’incredulità. Un duro colpo per la Viola che sbanda (colpo di testa centrale di Gamberini) e perde Chiesa (principio di influenza). L’ingresso di Gil Dias dà vivacità alla manovra della squadra di Pioli, che ora preme e costringe i veneti sulla difensiva. Thereau (sforbiciata) e Badelj (altissimo da centro area) sciupano due grosse occasioni. I clivensi non riescono ad approfittare degli spazi concessi dalla Fiorentina e mancano in precisione nell’ultimo passaggio. Nel finale è Biraghi (il peggiore in campo) ad avere le migliori chance, ma il terzino sinistro spreca due punizioni: la seconda dal limite allo scadere è uno scempio per gli specialisti. Maran sale a 11 punti in classifica, Pioli rimane a 7 in altrettante giornate.

Fonte SportMediaset

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here