Home CRONACA di ROBERTO CAPUTOSi voterà a marzo ma forse ancora a giugno. I...

di ROBERTO CAPUTOSi voterà a marzo ma forse ancora a giugno. I pontieri degli schieramenti si agitano per costruire coalizioni che vadano sopra il 40%

admin
349
0

La voce è di quelle non urlate, ma a mala pena sussurrate. Come se si trattasse di qualcosa di impronunciabile e di cui ci si vergogna. ma la nuova legge elettorale e la condizione tripolare nella quale si trova il nostro sistema politico potrebbe portare alla impossibilità di avere una maggioranza parlamentare e di un governo. Anche la sbandierata, da più parti, nascita di un’alleanza PD con Forza Italia ad oggi non sembrerebbe essere una possibilità realizzabile. Mancherebbero comunque con i numeri dei sondaggi attuali almeno una trentina di parlamentari, che questa volta non diventerebbero facilmente raccattabili da altre forze politiche. Ci si troverebbe di fronte ad una gravissima crisi istituzionale ,che vedrebbe come unica soluzione quella di tornare al voto a giugno o al massimo ,dopo un governo balneare di minoranza, in autunno. Il presidente Mattarella si troverebbe ad affrontare una situazione veramente perigliosa per la democrazia e di fronte ad un’Italia pervasa da scontri sociali, preferirebbe sciogliere le Camere e indire nuove elezioni. Proprio per questo i pontieri dei vari schieramenti si stanno agitando freneticamente per costruire coalizioni che vadano sopra il quaranta per cento. Ma l’impresa appare ardua. Anche se sia il PD che Forza Italia sono i due partiti che maggiormente si stanno impegnando ad aggregare tutto quello che è possibile mettere insieme, pagando prezzi alti come posti nei collegi e nel proporzionale. Questa caccia al posto sta creando dissapori tra i parlamentari ed i senatori uscenti che corrono il pericolo di non essere più riconfermati. Tante richieste ,ma voti veramente pochi. Si tratta infatti non di cespugli ,ma di miseri cespuglietti. Il tutto condito da un tasso di astensione altissimo. Il compito del Presidente della Repubblica si fa sempre più gravoso.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui