Home Vetrina Mafia cinese, decine di arresti su un’organizzazione che avrebbe detenuto il monopolio...

Mafia cinese, decine di arresti su un’organizzazione che avrebbe detenuto il monopolio del trasporto su strada

229
0

Decine di arresti in varie città italiane e anche all’estero per un’inchiesta coordinata dalla Dda di Firenze e condotta dalla polizia su una presunta organizzazione mafiosa cinese. Per l’accusa avrebbe detenuto il monopolio in tutta Europa del traffico su strada di merci di origine cinese e l’egemonia nel campo della logistica, imposta attraverso il metodo mafioso ed alimentata dagli introiti provenienti dalle attività criminali tipiche della mafia cinese.
    L’inchiesta è partita nel 2011 ed è stata condotta dalla squadra mobile di Prato e dal Servizio centrale operativo. 33 le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Firenze. A tutti i destinatari viene contestato il 416 bis, l’associazione a delinquere di stampo mafioso. Complessivamente, secondo quanto si è appreso, sono una cinquantina gli indagati nell’indagine, denominata ‘China truck’. In corso anche perquisizioni e sequestri.

L’associazione sgominita era composta da persone provenienti in gran parte da due regioni cinesi soltanto, lo Zhejiang e il Fujian. Per 33 dei 54 indagati è stata disposta la misura cautelare in carcere.

Fra di loro anche uno considerato “il capo dei capi”, residente a Roma ma titolare delle due ditte di autotrasporti con sede a Prato, dove gli indagati sono in tutto 25, dei quali 16 arrestati e 9 denunciati a piede libero. Altri arresti e denunce a Milano, Padova, Firenze, Pisa e all’estero.

La dda ha inoltre disposto il sequestro di 8 società, 8 veicoli, 2 immobili e circa 60 fra conti correnti e deposito titoli per un valore di diversi milioni.

Il “capo dei capi” ieri è stato seguito dai poliziotti nei suoi spostamenti a Prato dove, data la sua ossessione per i pedinamenti, avrebbe cambiato almeno otto volte mezzo. Una volta in un ristorante ha incontrato gli imprenditori cinesi locali, i quali hanno siflato dinanzi a lui inchinandosi. A lui si attribuisce anche l’imposizione della pace che mise fine alla lotta fra bande cinisi che insanguinarono a lungo il capoluogo toscano.La sessa cosa avrebbe fatto anche a Parigi, con le bande di Francia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here