Home Vetrina Forteto, Rodolfo Fiesoli scarcerato per una decisione della Cassazione

Forteto, Rodolfo Fiesoli scarcerato per una decisione della Cassazione

136
0

 Rodolfo Fiesoli, il fondatore della comunità ‘Il Forteto’, al centro di varie inchieste per maltrattamenti e violenza sessuale, è stato scarcerato a seguito di una decisione della Cassazione del 5 luglio scorso, dopo un ricorso presentato dal suo difensore, l’avvocato Lorenzo Zilletti. Fiesoli era stato condannato a 15 anni e 10 mesi ma la Cassazione aveva stabilito che dovesse scontare un residuo di pena 14 anni, 8 mesi e 17 giorni. Il 23 dicembre scorso venne accompagnato dai carabinieri nel carcere di Sollicciano.
   

Dopo la decisione della Cassazione, la procura generale di Firenze ha notificato a Fiesoli, 77 anni, il provvedimento di revoca della carcerazione. Rodolfo Fiesoli, spiegano i difensori, gli avvocati Oliviero Mazza e Lorenzo Zilletti, torna in libertà perché “il 5 luglio 2018 la prima sezione della Corte di Cassazione ha accolto il nostro ricorso, contro l’ordine di carcerazione emesso dalla procura generale il 23 dicembre 2017 e poi sostanzialmente confermato a gennaio dalla corte di appello di Firenze”. Si tratta del ricorso che i difensori fecero per ‘incidente di esecuzione’ e che però venne respinto. Contro questa decisione della corte di appello, allora, i difensori hanno proposto un altro ricorso in Cassazione su cui c’è stata udienza il 5 luglio.

 

Dopo la scarcerazione è in stato di piena libertà e non rientra alla comunità de Il Forteto, a Vicchio di Mugello (Firenze), dove non è tornato dal 2011 quando fu arrestato. Starebbe cercando una sistemazione diversa. Al momento è ignota la località dove si trovi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here