Home Vetrina Il 12 luglio dalla Cina con passione all’Arno per la seconda edizione...

Il 12 luglio dalla Cina con passione all’Arno per la seconda edizione del Dragon Boat festival

149
0

Torna domani 12 luglio la gara di dragon boat festival. L’evento di canottaggio nato 700 anni fa a Hangzhou in Cina, è approdato l’anno scorso  a Firenze  con grande soddisfazione del console e del suo staff. All’evento sarà presente come l’anno scorso, arrivato apposta dalla Cina il 74° discendente diretto di Confucio. Un appuntamento dal grande valore simbolico e culturale per la comunità cinese, oltre che sportivo, e che arriva in Italia dopo le recenti gare tenute nei mesi  negli Stati Uniti a Dallas, in Austria a Vienna e in Francia a Parigi.  In gara 18 squadre – un record per l’evento – fra cui la Canottieri Firenze.

75200AC0-4F39-4E4D-A60C-37B0573F250A

In realtà, questo genere di manifestazioni sportive di canottaggio ha sviluppato turismo culturale e nei secoli è stata anche la capitale della dinastia Song. Hangzhou è inoltre famosa nel mondo per avere ospitato, nel 2016, il vertice del G20 e per essere la città dove ha sede il quartier generale di Alibaba, il colosso cinese degli acquisti online.

 

Da parte sua, l’Associazione RamUnion, organizzatrice dell’evento, è stata fondata nel 2003, ha sede anche ad Hangzhou e persegue fini di assistenza sociale a favore degli anziani, a favore dei disabili e dei meno abbienti. 

Dragon Boat Firenze

Il Dragon Boat Festival si svolge in Cina ogni anno, le popolazioni locali si esprimono attraverso la rappresentazione della paura del Drago, che è un simbolo di culto, con gare di dragon boat ed anche per festeggiare molte altre attività. I cinesi sono i discendenti autoproclamati del Drago, nella cultura tradizionale cinese, sin dall’era della civiltà contadina e il Drago rappresenta un simbolo importante, predominante, al quale la comunità contadina rivolge le proprie preghiere per ottenere un buon raccolto e per consentire alla popolazione di vivere in pace e con serenità. 

Nel dettaglio, RamUnion organizza l’appuntamento fiorentino con la collaborazione di 18 associazioni: Overseas Chinese Service Center, Associazione d’Amicizia dei Cinesi di Prato, Associazione del Commercio Italo-Cinese di Prato, Associazione Culturale delle Comunità Cinese di Fujian in Italia, AAIC – Associazione Abbigliamento Italia Cina, Associazione Wencheng del Centro Italia,  Associazione per Scambi Culturali fra le Imprese Italia Cina, Associazione Cinese di LI Shui, Associazione Generale dei Cinesi a Firenze, Associazione Imprenditori Cinesi, Associazione Interculturale, Yanhuang Culture Research, Associazione di Amicizia dei Cinesi in Italia Occidentale, Chinese Ethnic European Association, Associazione Donne Cinesi a Firenze, Associna, CNA, ASEIC.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here